Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Alexandra Agiurgiuculese e Milena Baldassarri sono ufficialmente dentro gli ottetti che questa sera, dalle 19.30 alle 20.35 (ora italiana), si giocheranno i titoli mondiali di specialità rispettivamente a clavette e nastro, sulla pedana della National Gymnastics Arena di Baku. L’Aviere dell’Aeronautica Militare è reduce da uno storico argento, proprio in questo attrezzo, conquistato ai campionati iridati Sofia nel 2018 dietro alla russa Aleksandra Soldatova e davanti all’israeliana Linoy Ashram. Alexandra Agiurgiuculese invece, nella stessa finale, si fermò ai piedi del podio bulgaro. Nella 37ª edizione dei Mondiali, la ravennate, allenata da Julieta Cantaluppi alla Faber Ginnastica di Fabriano, sfiderà non solo la campionessa mondiale in carica, Dina Averina ma anche Linoy Ashram, Vlada Nikolchenko, Ekaterina Selezneva, Anastasia Salos, Alina Harnasko e Laura Zeng. Entrate nel primo gruppo con le clavette, invece, Milena commette un errore che le pregiudica una terza possibile finale di specialità. Anche la più piccola imprecisione, per il livello di difficoltà presentato a questo campionato del Mondo, può essere fatale. Lo sa bene la sua compagna di squadra nonché di Gruppo Sportivo militare, Alexandra Agiurgiuculese, che ha subito tentato di riportare il Team azzurro sulla giusta via per il podio azero – dopo il bronzo conquistato a Sofia lo scorso anno - eseguendo una routine valutata con 21.950 punti, validi per la finale di questa sera contro Dina Averina, campionessa mondiale in carica anche in questa specialità, la sorella Arina, Linoy Ashram, Vlada Nikolchenko, Nicol Zelikman, Katsiaryna Halkina e Alina Harnasko. Ben fatto per Sofia Maffeis, al suo debutto su una pedana iridata. La stella della Polisportiva Varese, seguita da Irina Roudaia, con l’esercizio alle clavette cucito sulle note di “No Twerk” dei Panter x Odalisk guadagna un 19.150 che va ad unirsi ai dieci punteggi presi dalle nostre quattro azzurre. Da questi sono stati scartati i due più bassi e il risultato è di 167 punti netti, che le relega ai piedi del podio mondiale. Le ginnaste convocate dalla Direttrice Tecnica nazionale Emanuela Maccarani, in collaborazione con la responsabile nazionale delle individualiste, Elena Aliprandi – presente a Baku in qualità di ufficiale di gara internazionale – consegnano il bronzo nelle mani delle rivali bielorusse che, con 168.550 punti, finiscono dietro a Israele, argento con 170.500 e alla Russia, oro con un inarrivabile 186.500. Ma le emozioni non finiscono qui! Grazie alla somma dei punteggi ottenuti in tutti e quattro gli attrezzi, Alex (pt. 64.700) e Milena (62.850), sono ad un passo verso la qualificazione all’Olimpiade di Tokyo 2020. Le divide dal pass a 5 Cerchi solo la finale di domani (12.30 – 18.35 ora italiana e in diretta sul canale Youtube FGI) nella quale dovranno entrare tra i primi 16 posti validi per il volo diretto in Giappone. “Il quarto posto per Team rappresenta la concretezza del livello raggiunto dalle nostre individualiste – ha affermato la DTN di sezione arrivata ieri sera a Baku con le Farfalle azzurre, la team manager di sezione Paola Porfiri e allo staff dell'Accademia di Desio - Io sono estremamente soddisfatta, contenta e orgogliosa. Pur cambiando nelle singolarità questa Italia è molto competitiva. Un vero e proprio risultato di squadra tra ginnaste, allenatrici e tutte quelle persone che giornalmente sostengono e aiutano nella crescita le nostre ginnaste. È un’iniezione di fiducia per la gara All around di domani!”

Dal nostro inviato Federico Calabrò - Credit foto: Enrico Della Valle/FGI