Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Mondiali di artistica

Grazie comunque, ragazze.
Abbiamo atteso fino all¨ˆultimo. Fino all¨ˆultima rotazione dell¨ˆAustralia prima di gettare la spugna e guardare in faccia la realt¨¤. La ginnastica femminile non ce l¨ˆha fatta ed ancora una volta andiamo ad un Olimpiade con una sola squadra. Per chi resta fuori significa qualcosa di pi¨´ di un¨ˆoccasione mancata. Gi¨¤, perch¨¦ qui non stiamo parlando di sport milionari, dove puoi trovare gratificazione nei guadagni. In certe discipline perdere un treno di questo genere equivale ad una decisione drastica perch¨¦ troppe sono le rinunce e i sacrifici. Lo sanno bene le azzurre Monica Bergamelli, Cristina Cavalli, Ilaria Colombo, Teresa Gargano, Marika Pestrin, Daria Sarkhosh e Ilaria Rosso che oggi hanno condotto in porto una gara esemplare per quelle che erano le loro condizioni fisiche generali. Chi ha assistito alla performance delle statunitensi o delle brasiliane non ricorda un solo cerottino su caviglie, polsi e articolazioni varie. No, davvero, pi¨´ di cos¨¬ non si poteva fare con delle ginnaste che negli ultimi 5 mesi hanno lavorato con un ritmo infernale tra allenamenti e competizioni. Certo, brucia essere le prime delle escluse. Per¨° sono stati lasciati decimi preziosi sulla trave, il primo attrezzo; e poi un paio di interpretazioni del codice della giuria al corpo libero che definire rigide equivarrebbe ad un mero eufemismo. Oltre a questo ci sta tutto, perch¨¦ si tratta pur sempre di un mondiale e tutti sono qui per fare la loro parte. Bergamelli, di sicuro l¨ˆatleta pi¨´ in salute, ¨¨ nella finale della migliori 24; Cavalli ¨¨ stata un esempio di regolarit¨¤, mentre Gargano e Colombo hanno dovuto far ricorso a tutto il loro talento per sopperire alla condizione che non c¨ˆera. E cos¨¬ Pestrin, che ha fatto fronte con bravura ad un concorso generale che non era neanche nelle previsioni.
Come squadra compresa tra la 13^ e la 18^ porteremo due ginnaste ad Atene dove, se la situazione non cambier¨¤, saranno Cina, Stati uniti e Romania a vedersela per il titolo, proprio come qui ad Anaheim

Classifiche sul sito ufficiale: www.worldchampgym.com