Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Davide Rizzi centra la finale maschile del freestyle di Parkour in Coppa del Mondo a Sofia. Il traceur della Roma 70, allenato da Roberto Carminucci, con il punteggio di 20.5 ottiene l’ultimo posto utile della final eight. In testa alla classifica provvisoria c’è lo svedese Elis Torhall con 24.5, seguito dal russo Evgenii Aroian e dal greco Ioakeim Theodoridis, entrambi a quota 22.0. Al quarto posto, momentaneamente, si colloca l’altro svedese Hannes Larsson con 21.5 punti. A seguire quattro atleti con il medesimo punteggio, lo stesso dell’italiano, separati però dai diversi parziali, grazie ai quali il messicano Javier Alvarez Rodriguez, lo spagnolo Aaron Vivar e il belga Jeremy Lorsignol , nell’ordine, sono attualmente davanti. Gli azzurri si fanno comunque apprezzare, sui 33 partecipanti, occupando la parte alta della graduatoria: Fausto Vicari 15° davanti a Diego Minestini 16°, tutti e due con il punteggio di 18, Mario Russo 21° con 17. Sabato sono in programma le qualificazioni della prova di velocità. A 1.500 kilometri di distanza, più a Sud, a Mersin, in Turchia, si sono tenuti contemporaneamente i concorsi di ammissione della World Challenge Cup di Artistica. Il calendario odierno della prova maschile prevedeva tre attrezzi: corpo libero, cavallo con maniglie e parallele pari. Niccolo Vannucchi ha centrato la finale a otto sul quadrato, in virtù del suo 13.800 (D.5.60 E. 8.35) valido per il settimo pass – soltanto 24° invece Lay Giannini (12.200 D. 5.0 E. 7.30 pen. 0.1) - mentre Tommaso De Vecchis, con lo stesso punteggio (13.800 D. 5.50 E. 8.30) e piazzamento (7°) del ginnasta della Romagna Team, conquista la finale sugli staggi simmetrici. Questa volta Giannini, talento della Giovanile Ancona, si ferma sulla 12ª piazza con il personale di 13.100 (D. 5.50 E. 7.90) e tre decimi di penalità. Peccato per il cavallo, dove Edoardo De Rosa (Ares) cade e con il suo 13.250 (D. 6.2 E. 7.050) rimane prima riserva. Anche lo specialista della Ginnastica Salerno resterà a guardare. De Vecchis, infatti, non va oltre un 12.550 (D. 5.20 E. 7.350) valido soltanto per il 18° posto. Le prossime specialità da affrontare, anelli, volteggio e sbarra, potrebbero aggiungere ulteriori frecce all’arco dell’ItalGAM, guidata, per l’occasione da Riccardo Pallotta e dal capodelegazione Fulvio Traverso.

CLASSIFICA QUALIFICHE FREESTYLE PARKOUR

CLASSIFICA QUALIFICHE CORPO LIBERO M.

CLASSIFICA QUALIFICHE CAVALLO CON MANIGLIE

CLASSIFICA QUALIFICHE PARALLELE PARI