Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Hanno chiuso al top, come non è sempre facile fare nello sport. Hanno chiuso sul podio, insolitamente secondi, quasi a voler lasciare il testimone al nuovo che avanza. Ad una settimana dallo storico “triplete”, mondiale e dorato, la coppia mista più adorata del momento ha concluso i campionati assoluti con un argento. Michela Castoldi e Davide Donati - ossequiati anche dalla Gazzetta dello Sport, che non è solita concedere troppo spazio agli sport non olimpici, e da un piedone pubblicitario della Federazione Ginnastica d’Italia, che nel ringraziarli li consegnava alla propria storia ultracentenaria, tra i grandissimi della sua Hall of Fame - hanno salutato tutti dalla piazza d’onore di Pomigliano d’Arco, con l’ultimo punteggio della loro lunga carriera agonistica, 21.950. Probabilmente è la prima volta che i secondi ricevono una standing ovation anche da chi li ha battuti. Anna Bullo e Marcello Pitteri del Gruppo Sportivo Sambughè, con il personale di 22.700 succedono alla coppia campione d’Italia 2020, composta da Emanuele Caponera e Sara Natella, ma il loro gradino più alto del podio, al di là dei meriti inconfutabili, si trasforma in una posizione privilegiata per applaudire Michela e Davide, con i quali avevano condiviso la trasferta in Azerbaijan. E così, dopo i titoli iridati di Incheon, Guimaraes e Baku, quello agli European Games di Minsk, tre tricolori insieme (quattro per Donati che ne vinse uno anche con Gaia Brambilla), e tanti altri successi, la coppia più bella del mondo lascia l’attività agonistica, con l’ennesimo piazzamento dell’Aerobic Fusion. Terzo il duo di Macerata, Arianna Ciurlanti e Francesco Blasi, con 21.700. L’abbraccio di tutto il movimento dell’Aerobica italiana, guidato da Luisa Righetti, non è stato solo virtuale, e il gruppo di bronzo con Caponera, Conti e Natella si è allargato all’intera sezione. Perché questa è l’Aerobica FGI, un gruppo di persone che al di là delle differenze, dei colori dei body e delle tute, ha saputo compattarsi e stringersi ai propri talenti, risultando nel totale più forte dei singoli. Palcoscenico alchemico di questa formula magica la pedana della Fitness Trybe, alle pendici del Vesuvio, dove, nel week end, sono andati in scena i Campionati Italiani 2021 e una serie di trofei a corollario, capaci di impreziosire il quadro generale. Merito di Graziano Piccolo e del suo staff, che con il proverbiale cuore napoletano, hanno accolto i migliori interpreti del Paese, in una due giorni di spettacolo senza fiato. Alla fine i risultati sono soltanto la più classica delle ciliegine. Bullo (22.100) e Patteri (22.500) si confermano anche nei rispettivi individuali, femminile e maschile, candidandosi come i nuovi fenomeni della specialità. L’eredità è pesante certo, come lo fu per Michela e Davide quella di Giovanna Lecis e Wilkie Satti Sanchez, ma se la tendenza è questa, l’evoluzione dell’Aerobica italiana ci prospetta un futuro radioso. Nel Trio, in cima, ritroviamo Emanuele Caponera e Matteo Falera, come lo scorso anno a Porto Sant’Elpidio, stavolta però in compagnia di Sara Natella al posto di Ginevra Presta, sempre però per i colori della Ginnastica Agorà (22.310). Nel gruppo si impone l’Aerobica Evolution con 22.340. Sofia Cavalieri, Elisa Conti, Paolo Conti, Silvia Paternieri, Ylenia Pezzotta e Giulia Previtali mettono in fila, nell’ordine, Agorà, Sambughè, Valentia, Aerobic Fusion, Chige, Artistica P.S. Elpidio e Aeros Latina, tutti compartecipi di una gara bella, tirata e leale. Tra le autorità presenti, hanno preso parte alle premiazioni, presentate da Fabio Gaggioli, il vicepresidente FGI Rosario Pitton, delegato in rappresentanza del Presidente Gherardo Tecchi, il numero due del Comitato regionale Campania Salvatore Affinito, il sindaco pomiglianese Gianluca Del Mastro, la DTN Luisa Righetti, il team manager Walter Muzzi, la referente di Giuria Nazionale Monica Darone e Graziano Piccolo. Al Trofeo delle Regioni trionfo della Liguria davanti a Lombardia e Campania e sono stati tantissimi i giovani del Trofeo MAA. A seguire le classifiche, mentre la prossima settimana, sul canale You Tube federale verrà pubblicata, in differita, un’ampia sintesi dell’evento.

CLASSIFICHE ASSOLUTI

CLASSIFICA TROFEO DELLE REGIONI

CLASSIFICHE TROFEO MAA