Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Nella giornata di chiusura del 27° campionato europeo di trampolino, doppio mini-trampolino e tumbling, il palazzo dell'iceberg di Sochi ha ospitato le finali individuali e sincronizzate. La Russia ha conquistato la maggior parte delle medaglie d'oro, con le vittorie, in particolare, di Aleksandr Odintsov e Galina Begim nel DMT, di Vadim Afanasev nel tumbling maschile, di Iana Lebedeva nel trampolino donne e dela coppia sincro femminile composta da Anna Kornetskaya e Susana Kochesok. La belga Tachina Peeters è la nuova regina continentale del Tumbling rosa, un traguardo più che meritato dopo una beffarda serie di medaglie di legno internazionali. Nel derby bielorusso tutto interno al duo trionfatore nel sincronizzato maschile, Aleh Rabtsau si impone di pochi decimi nell’individuale sul connazionale e campione olimpico di Rio 2016 Uladzislau Hancharou. Lea Labrousse e Marine Jurbert hanno scritto la storia della Francia, ottenendo, rispettivamente, l’argento e il bronzo nel trampolino individuale femminile, mentre la Turchia festeggia la sua prima medaglia individuale, il bronzo nel trampolino juniores di Elif Colak. Anche l’Italia, pur non comparendo nel medagliere di questa edizione russa, ha scritto una pagina memorabile, destinata a segnare il camino della sezione diretta da Giuseppe Cocciaro. “Abbiamo centrato sei finali europee – esulta il DTN – Una cosa mai accaduta nei 20 anni della nostra attività federale”. Il simbolo di tutto il movimento, colui che nel 2002 vinse il primo campionato italiano assoluto della FGI, per arrivare poi a collezionarne sedici, il caporal maggiore dell’esercito italiano Flavio Cannone, a pochi mesi dal 40° compleanno, saluta dalla settima casella individuale del Vecchio Continente, scalando pure una posizione rispetto all’ottavo posto delle qualifiche. “Flavio è un esempio di professionalità e dedizione – ha commentato Cocciaro – Malgrado gareggiasse più con l’anagrafe che con i suoi avversari ha comunque provato a vincere una medaglia, tentando l’all-in con un’esecuzione più difficile. Purtroppo ha commesso un errore (18.055 pt.) ma ha anche dimostrato che in Coppa del Mondo, a Brescia, il 4 e 5 giugno, ce la metterà tutta per strappare il suo quarto pass olimpico. Sull’esempio del capitano anche gli altri azzurri si sono impegnati al massimo per migliorare il proprio ranking. E così il sincro giovanile delle piccole donne con il totale di 43.540 è salito dal settimo al sesto posto, precedendo i binomi di Georgia e Svizzera, quello senior maschile con 48.070 – grazie a Marco Lavino e al campione italiano Samuele Patisso Colonna - dal sesto al quinto, in una continua ascesa verso il gotha della disciplina. I due simboli forse più futuribili della trasferta sulle sponde del Mar Nero, le teenager Chiara Cecchi (51.860) e Silvia Coluzzi (51.800), rispettivamente sesta e settima nel concorso di ammissione, hanno chiuso sulla quarta e la quinta piazza individuale, a sei centesimi l’una dall’altra, alle spalle delle due padroncine di casa – Anzhela Bladtceva e Mariia Mikhailova – e della turca Colak. La promessa dell’Etruria Prato ha sfiorato il bronzo di mezzo decimo. “La Coluzzi, classe 2007, era la più giovane della final eight, eppure è andata vicinissima all’impresa. Significa che siamo sulla strada giusta e che il tempo è un nostro alleato – ha concluso il Direttore tecnico, nella foto insieme alle due azzurrine e al team manager Ermes Cassani – I nostri ginnasti hanno capito che serve ancora un piccolo salto per arrivare sul tetto d’Europa. Devo dire che è stata una spedizione fantastica, i ragazzi hanno fatto gruppo e le loro performance sono state incredibili. Su una trentina di esercizi ne abbiamo sbagliati tre o quattro, quando la media nel trampolino contempla un 40% di errori”. Appuntamento con la 28° edizione in Italia, a Rimini, dall’1 al 5 giugno 2022. (TUTTI I RISULTATI)

Podio Trampolino maschile juniores

  1. Danila Kasimov (RUS) 58.415
  2. Stanislau Yaskevich (BLR) 57.605
  3. Kirill Kozlov (RUS) 56.120

Podio Trampolino femminile juniores

  1. Anzhela Bladtceva (RUS) 55.550
  2. Mariia Mikhailova (RUS) 54.085
  3. Elif Colak (TUR) 52.385

Podio Trampolino maschile senior

  1. Aleh Rabtsau (BLR) 60.815
  2. Uladzislau Hancharou (BLR) 60.580
  3. Andrey Yudin (RUS) 59.725

Podio Trampolino femminile senior

  1. Iana Lebedeva (RUS) 56.685
  2. Lea Labrousse (FRA) 54.365
  3. Marine Jurbert (FRA) 53.870

Podio Sincronizzato maschile juniores

  1. Daniil Pshanko e Ivan Melnikau (BLR) 48.810
  2. Huseyn Abbasov e Magsud Mahsudov (AZE) 48.520
  3. Matvei Kiriushov e Dmitri Nartov (RUS) 48.070

Podio Sincronizzato femminile juniores

  1. Mariya Siarheyeva e Viyaleta Bardzilouskaya (BLR) 48.500
  2. Elif Colak e Sila Karakus (TUR) 44.830
  3. Mariia Mikhailova e Anna Epifanova (RUS) 44.770

Podio Sincronizzato maschile senior

  1. Uladzislau Hancharou e Aleh Rabtsau (BLR) 51.990
  2. Diogo Ganchinho e Lucas Santos (POR) 50.520
  3. Fabian Vogel e Caio Laxttermann (GER) 49.930

Podio Sincronizzato femminile senior

  1. Anna Kornetskaya e Susana Kochesok (RUS) 48.700
  2. Katsiaryna Yarshova e Viktoriya Kuidan (BLR) 47.560
  3. Leonie Adam e Aileen Roesler (GER) 45.990

Podio Doppio Mini - Trampolino maschile juniores

  1. Aleksandr Butko (RUS) 71.700
  2. Brent Deklerck (BEL) 69.000
  3. Martim Lavado (POR) 68.700

Podio Doppio Mini - Trampolino femminile juniores

  1. Alena Kalashnikova (RUS) 69.100
  2. Sofia Tatarova (RUS) 66.300
  3. Tuva Stjaernborg (SWE) 66.200

Podio Doppio Mini - Trampolino maschile senior

  1. Aleksandr Odintsov (RUS) 75.800
  2. Tiago Sampaio Romao (POR) 75.700
  3. Daniel Schmidt (GER) 74.300

Podio Doppio Mini - Trampolino femminile senior

  1. Galina Begim (RUS) 70.700
  2. Lina Sjoeberg (SWE) 70.600
  3. Dana Sadkova (RUS) 68.200

Podio Tumbling maschile juniores

  1. Dmitrii Shatalov (RUS) 71.600
  2. Axel Duriez (FRA) 70.500
  3. Uladzislau Liasnitski (BLR) 67.000

Podio Tumbling femminile juniores

  1. Arina Kaliandra (RUS) 67.600
  2. Alexandra Efraimoglou (GRE) 65.800
  3. Kseniia Lutkova (RUS) 65.100

Podio Tumbling maschile senior

  1. Vadim Afanasev (RUS) 79.300
  2. Aleksandr Lisitsyn (RUS) 77.400
  3. Mikhail Malkin (AZE) 75.300

Podio Tumbling femminile senior

  1. Tachina Peeters (BEL) 70.800
  2. Viktoria Danilenko (RUS) 70.600
  3. Candy Vetillard-Briere (FRA) 67.500