Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Non poteva concludersi meglio la World Cup di Trampolino Elastico, in scena a Coimbra, in Portogallo, per la coppia azzurra del synchro formata da Samuele Patisso Colonna e Dario Aloi. I due ginnasti della Nazionale diretta dal D.T.N. Giuseppe Cocciaro, entrambi in forza alla società Milano 2000, hanno vinto la medaglia di bronzo con il totale di 48.720 nella finale di specialità della Coppa del Mondo, dopo aver mancato il traguardo nella tappa nostrana di Brescia, a inizio giugno. Sul gradino più alto del podio è salita la coppia bielorussa (50.450 pt.), piazza d'onore per la Russia (50.150 pt.), due superpotenze della disciplina a livello internazionale. Grande soddisfazione per Patisso Colonna e Aloi, che hanno festeggiato insieme all'allenatore Luigi Meda, in Portogallo con l'ufficiale di gara, anche capodelegazione, Francesca Beltrami. Dall'Italia sono arrivati subito i complimenti del Direttore Tecnico Nazionale, Giuseppe Cocciaro, che si è voluto congratulare con il fresco campione italiano assoluto e con il veterano classe 1989: “Questo è un grande risultato, anche di tattica perché ieri abbiamo volutamente svolto un esercizio più semplice per qualificarci. Oggi, invece, abbiamo fatto il nostro e abbiamo vinto il bronzo: meglio dei francesi e dietro soltanto a Bielorussia e Russia, due superpotenze mondiali del Trampolino Elastico. Significa che questa è la strada giusta – ha proseguito Cocciaro – è una medaglia che può fare da apripista, a livello internazionale stanno conoscendo l'Italia. Sono davvero contento, in Coppa del Mondo a Brescia ci è sfuggita e oggi invece è arrivata: questo successo ci ripaga di tanti sacrifici e ci dà la froza per andare avanti ancora meglio. Adesso – ha concluso il D.T.N. - possiamo riprendere fiato dopo l'Europeo e le World Cup e iniziare con calma la preparazione per il Mondiale di Baku a novembre”.

RISULTATI FINALI