Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si è conclusa la prima giornata di gara all’Armeec Arena di Sofia, teatro della prima tappa delle World Cup Series 2021 di Ginnastica Ritmica, un cartello di quattro eventi qualificanti per i Giochi Olimpici di Tokyo. Quest’oggi in Bulgaria, culla dei piccoli attrezzi, si è svolta la prima metà dell’All Around individuale, che ha visto protagoniste le due azzurre Milena Baldassarri e Sofia Raffaeli, convocate dalla D.T.N. Emanuela Maccarani per l’esordio internazionale “in presenza” dell’Italia nell’era del Covid. L’aviere dell’Aeronautica Militare e la giovane promessa della Ginnastica Fabriano, inserite nel gruppo B (il secondo di quattro) hanno rotto il ghiaccio con gli esercizi al cerchio e alla palla, scendendo in pedana questa mattina poco prima delle 11. A metà del concorso generale, che si chiuderà domani, Raffaeli e Baldassarri occupano rispettivamente la 20ᵃ e la 21ᵃ posizione in una classifica del tutto provvisoria. L’emozione ha messo un po’ i bastoni tra le ruote alle ginnaste italiane: Milena, tornata a gareggiare in campo internazionale dopo più di un anno, chiude il giro di boa a quota 42.400, con il 19.900 del cerchio e il 22.500 alla palla. Invece Sofia, alla sua prima Coppa del Mondo da ginnasta senior, fa leggermente meglio della compagna con il parziale sui due attrezzi di 42.800, frutto del 20.600 ottenuto al cerchio e del 22.200 alla palla. “Era la prima gara internazionale dopo tanto tempo, ho rotto il ghiaccio – ha detto l’aviere di Vigna di Valle – sicuramente si può fare meglio, già a cominciare da domani”. Le fa eco la “formica atomica” al suo esordio tra le big mondiali: “Poteva andare molto meglio sia al cerchio che alla palla, speriamo di riuscirci già domani”. A guidare la classifica provvisoria la padrona di casa Boryana Kaleyn, inseguita dall’israeliana Linoy Ashram e dalla bielorussa Alina Harnasko.

Le due azzurre cercheranno il riscatto sabato, quando torneranno in pedana per concludere l’All Around individuale con clavette e nastro e per conquistare le finali di specialità, che verranno trasmesse domenica dalle 11.30 in diretta su La7d e in simulcast sul sito La7.it. Saranno le prime a gareggiare nel gruppo B, domani alle 9.00 ora italiana. La “piccola Sofi”, uno dei tanti soprannomi che le hanno dato, aprirà la giornata di gara alle clavette, poi toccherà alla ravennate (già qualificata per i Giochi Olimpici) dopo l’intermezzo della greca Ioanna Magopoulou. “Sicuramente la tensione si è fatta sentire per tutte e due – ha raccontato alla Federginnastica la loro tecnica Julieta Cantaluppi, in Bulgaria insieme alla capo delegazione nonché ufficiale di gara Emanuela Agnolucci e al fisioterapista federale Alessandro Calcinaro – e poteva andare molto meglio. Peccato perché Sofia è partita molto bene al cerchio, mentre alla palla ci sono state diverse imprecisioni. Comunque, fa ben sperare perché ci sono margini di miglioramento. Milena è stata calma finché non ha sbagliato anche lei al cerchio, mentre alla palla si è concessa degli errori di distrazione. Sanno fare di più rispetto a quanto visto oggi, comunque ci hanno fatto i complimenti”.

Oggi è andato in scena anche il concorso generale dei gruppi, che hanno iniziato con la qualificazione alle cinque palle. Dominio totale della squadra bulgara, che ha ottenuto il punteggio di 44.150 tra le mura amiche, il massimo mai ottenuto nella ginnastica ritmica. Secondo posto provvisorio per il Giappone e terzo per l’Azerbaijan. Non sono volate in Bulgaria le Farfalle di Emanuela Maccarani, che proseguono la preparazione in vista della prima uscita internazionale dal 2019. La squadra azzurra – Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Agnese Duranti, Martina Santandrea e Letizia Cicconcelli – stanno perfezionando i loro esercizi per presentarsi al meglio per l’esordio in World Cup, che non sarà a Tashkent, in Uzbekistan (16-18 aprile) ma a Baku, in Azerbaijan (7-9 maggio) e per la finalissima di Pesaro alla Vitrifrigo Arena dal 28 al 30 maggio. Domani si concluderà anche il concorso generale a squadre, con l’esercizio misto a tre cerchi e quattro clavette.

Servizio di Giorgia Baldinacci

CLASSIFICA ALL AROUND

QUALIFICAZIONI CERCHIO E PALLA