Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Forse, Giorgia Villa, avrebbe sperato di ottenere di più dal sogno americano. Per l'azzurra della Brixia, il jet lag e il lungo viaggio verso gli Stati Uniti si sono fatti sentire, nella prima tappa della World Cup All Around Series, in scena quest'oggi a Milwaukee. Le cadute alla trave, alle parallele asimmetriche e al corpo libero hanno condizionato il risultato della sua gara, dal peso specifico notevole perché utile per strappare un ulteriore pass di qualificazione per l'Italia ai prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Giorgia ha chiuso la Coppa del Mondo, sulle pedane del Fiserv Forum, in settima posizione con il complessivo nel Concorso Generale di 51.532 punti. Alla fine del mini torneo articolato su quattro giornate – dopo quella in Wisconsin seguiranno Stoccarda (21-22 marzo), Birmingham (28 marzo) e Tokyo (4-5 aprile) – le prime tre nazioni della classifica speciale staccheranno tre pass per i Giochi Olimpici. Si tratta di ammissioni Paese, non nominative: anche se l'esordio azzurro non è andato come avrebbe sperato il Direttore Tecnico Nazionale Enrico Casella, accompagnato negli Usa dalla giudice Maria Cocuzza (anche capo delegazione) e dal fisioterapista Vincenzo Lancini, sono in programma altri tre appuntamenti per continuare il percorso nella World Cup All Around Series alla ricerca di una qualificazione a cinque cerchi. Il podio della competizione femminile in Wisconsin è quasi interamente a stelle strisce e dominato dalle due padrone di casa Morgan Hurd e Kayla DiCello, rispettivamente medaglia d'oro con il punteggio di 55.832 sui quattro attrezzi e piazza d'onore a soli sette decimi di distanza dalla compagna di Nazionale. Il bronzo se lo aggiudica la giapponese Hitomi Hatakeda (53.799 pt.). L’Artistica femminile italiana non ha intenzione di fermarsi, viva è la sfida tra Lara Mori e Vanessa Ferrari (in programma le tappe di specialità delle World Cup a Baku e Doha), per conquistare tutti e sei i posti disponibili per Tokyo 2020. Quattro sono già sicuri grazie al piazzamento della squadra nel Mondiale di Stoccarda dello scorso ottobre, un pass dovrebbe arrivare appunto al corpo libero, l’ultimo invece è in palio circuito All Around di Coppa del Mondo, che la Villa avrebbe voluto inaugurare in modo diverso.

CLASSIFICA ALL AROUND