Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Per il terzo anno consecutivo la Federazione Ginnastica d’Italia acquista i diritti web delle principali tappe dei circuiti FIG di Ginnastica Artistica e Ritmica (molte delle quali qualificanti per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020). In un momento storico in cui si intensifica la lotta alla pirateria, grazie all’attività della Guardia di Finanza, con denunce anche per gli utilizzatori finali e i possessori di abbonamenti illegali - che adesso rischiano il carcere e maxi multe - la FGI, da anni in prima linea per la difesa dei diritti d’autore, si è assicurata l’esclusiva della trasmissione su internet di 15 World Cup, alle quali si aggiungono le tappe italiane di Pesaro, per i piccoli attrezzi, e di Brescia per il Trampolino Elastico. Si comincia proprio questo week end con la gara di specialità femminile a Melbourne. Sabato 22 febbraio dalle 8.00 del mattino alle 11.00 (ora italiana) andranno in scena, in diretta sul canale YouTube federale, le finali del corpo libero maschile e del volteggio donne, del cavallo con maniglie, degli anelli e delle parallele asimmetriche. Domenica 23 febbraio si torna live dalle 5.00 in punto con il volteggio degli uomini, la trave (dove speriamo di vedere nell’ottetto l’azzurra Lara Mori), le parallele pari, la sbarra e il corpo libero femminile, con, ci auguriamo, la sfida tra il giglio di Montevarchi e l’altro caporal maggiore dell’Esercito Italiano impegnato in Australia, Vanessa Ferrari. Al termine della competizione sarà disponibile il video on demand per tutti i nostri appassionati, anche per quelli meno mattinieri, che non dovranno quindi rischiare una denuncia per seguire la ginnastica su una piattaforma pirata. Ecco la lista completa degli appuntamenti del 2020, che potrebbe subire delle variazioni solo nel caso in cui vi fosse un interesse editoriale su una delle tappe rimaste escluse.

Artistic Gymnastics Individual Apparatus World Cup Series

  • Melbourne (AUS) - 22/23 febbraio 2020
  • Baku (AZE) - 14/15 marzo 2020
  • Doha (QAT) - 20/21 marzo 2020

Artistic Gymnastics Individual All-Around World Cup Series

  • Milwakee (USA) - 7 marzo 2020
  • Stuttgart (GER) - 21/22 marzo 2020
  • Birmingham (GBR) - 28 marzo 2020
  • Tokyo (JPN) - 4/5 aprile 2020

Artistic Gymnastics World Challenge Cup Series

  • Cairo (EGY) – 7/8 giugno 2020
  • Osijek (CRO) – 20/21 giugno 2020

Rhythmic Gymnastics World Cup Series

  • Pesaro (ITA) - 5 aprile 2020
  • Sofia (BUL) - 12 aprile 2020
  • Tashkent (UZB) - 19 aprile 2020
  • Baku (AZE) - 26 aprile 2020

Rhythmic Gymnastics World Challenge Cup Series

  • Portimao POR - 10 maggio 2020
  • Cluj-Napoca ROU - 28 giugno 2020
  • Minsk BLR - 5 luglio 2020

Trampoline Gymnastics World Cup Series

  • Brescia (ITA) – 25 aprile 2020

Il criterio della scelta si basa sulla visibilità degli azzurri, anche se i fan più sfegatati non disdegnerebbero di seguire un incontro privo di atleti italiani, soprattutto nell’anno olimpico. Una sbirciatina sui rivali di Tokyo è sempre intrigante. Tuttavia, nelle tre rassegne dell’artistica dedicate alle specialità e nelle quattro all-around l’interesse maggiore sarà per la Sezione femminile, impegnata da un lato con la Ferrari e la Mori, e dall’altro con le Fate per l’ultimo posto nel concorso generale individuale. Per vedere all’opera la maschile dovremo aspettare il Challenge di giugno, con la classica kermesse croata e la novità in Egitto. Sette, come per la GAF, le trasferte della Ritmica, con le Farfalle, già qualificate, pronte a prendere il volo. Da segnare in rosso sul calendario la “classicissima” alla Vitrifrigo Arena di Pesaro, che oltre ad andare on line con le qualifiche del venerdì e sabato, sarà trasmessa, domenica 5, in diretta su La7. Non sarà meno importante l’evento di Brescia, dove il nostro Cannone insegue il sogno del quarto pass a cinque cerchi, altrimenti sarà l’ultima occasione per vederlo saltare in gara in una competizione internazionale. Flavio si merita tutto l’affetto della famiglia della ginnastica. Un programma ricchissimo, dunque, che la FGI offrirà in diretta o in differita, ai propri abbonati o gratuitamente su YouTube, svolgendo, con i diritti in mano, un ruolo da protagonista nel mercato delle OTT e cercando, al contempo, di stringere nuove alleanze con i grandi network televisivi, e non solo. Per arrivare su quelle TV dove la Ginnastica non è mai arrivata prima!