Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Ottime notizie dalla World Cup di Cottbus. Lara Mori, con il secondo punteggio in qualifica, si è aggiudicata un posto nella finale a otto al corpo libero. Il caporal maggiore dell'Esercito italiano ha conquistato 13.533 punti, a pari merito con l'olandese Tisha Volleman, in testa alla classifica solo per il valore più alto dell'esecuzione. La campionessa, in forza alla Ginnica Giglio, gareggerà nuovamente contro la Volleman, Angelina Radivilova, Marta Pihan-Kulesza, Denisa Golgota, Claudia Fragapane, Kim Bui e Anastasiia Bachynska. Impegnata anche alla trave, la Mori purtroppo commette un piccolo errore che le fa perdere la concentrazione, riuscendo a guadagnare 12 punti netti validi per la 27ª piazza. "La gara di oggi è andata molto bene, sono molto contenta del risultato anche se mi dispiace un po' per l'esercizio alla trave. Mi sentivo tranquilla e con tutti gli elementi avrei superato i 13 punti e quindi mi sarei potuta giocare una seconda finale. Posso fare ancora meglio della qualifica perchè nella gara di oggi sono partita da un decimo in meno: non mi hanno riconosciuto dopo il doppio giro in presa il collegamento con la vela e quindi sono partita da 5.5 invece di un 5.6. A questo, se aggiungo che ho sporcato un po' la prima diagonale, posso dire di avere margini di miglioramento per raggiungere il mio obiettivo". "Lara è una ginnasta ormai esperta - le ha fatto eco Cinzia Delisi, ufficiale di gara e capo delegazione in Germania - Prima della gara le ho fatto un grande in bocca al lupo. È stata brava nella sua esecuzione, peccato la perdita dell'abbuono che, se eseguirà bene domenica, potrebbe farla salire sul gradino più alto del podio". Nella gara maschile invece, Lorenzo Galli, al rientro sulla scena internazionale dopo un infortunio, per pochissimo non riesce a ritagliarsi un posto tra i migliori otto ginnasti alla sbarra. Con 13.633 punti è finito in 11ª posizione, valida come terza riserva per la final eight. Nello stesso attrezzo Nicolò Mozzato, con 13.616 punti, termina al 13° posto. Alle parallele pari Edoardo De Rosa ben figura con il personale di 13.666. Con il suo punteggio si assicura il 14° posto, di poco davanti al compagno di squadra Stefano Patron, 17° con 13.433 punti.