Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il cielo di Guimarães si tinge di bronzo con la medaglia in finale al cavallo con maniglie di Yumin Abbadini. Il ginnasta allenato da Alberto Busnari, ripercorrendo le orme del suo tecnico plurimedagliato, ottiene in finale un 13.325 (punteggio di partenza 4.9) e si piazza alle spalle del messicano Corral. Svetta in cima alla classifica il giapponese Sugino Takaaki, irraggiungibile il suo score di 14.825 (partenza 6.5). Molto bene, in questo attrezzo, anche l'altro ginnasta azzurro Umberto Zurlini. Il modenesem alla sua prima esperienza in Coppa del Mondo, strappa la quinta posizione col personale di 12.8 (punteggio di partenza 5.4). Nella finale agli anelli, invece, non è arrivata nessuna medaglia per gli italiani qualificati, che hanno pagato lo scotto di avere esercizi poco sviluppati negli elementi di forza e slancio forza: Yumin (con 4.6 di partenza) conquista una quarta posizione, mentre il romano Fabrizio Valle si piazza alle spalle del collega e amico di Nazionale. Infine al corpo libero, dove è stato impegnato il solo Abbadini, l'azzurro incorre in un grave errore nella diagonale finale: 13.275 è il suo punteggio che lo vede chiudere in settima posizione. Peccato perchè fino alla fine aveva eseguito un ottimo esercizio. Non è finita qui perché quest'oggi, ai cancelli di partenza per l'ultima giornata di finali, vedremo impegnato Zurlini al volteggio mentre Abbadini sarà presente alle parallele e alla sbarra.