Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Mentre le azzurre dei piccoli attrezzi sono impegnate nel fondamentale Mondiale di Baku, l’Artistica italiana è di scena a Guimares in Portogallo per una tappa di World Challenge Cup che vede protagonisti Yumin Abbadini (Pro Carate), Umberto Zurlini (Panaro Modena) e Fabrizio Valle (Roma 70). Mercoledì sono andate in scena le prove podio mentre da ieri la competizione è entrata nel vivo con la prima giornata di qualificazioni nelle prime tre specialità in concorso: corpo libero, cavallo con maniglie e anelli. Grande soddisfazione per la spedizione azzurra, la competizione si è aperta al cavallo con maniglie dove Yumin - con il punteggio di 13.300 - si aggiudica il 4° posto e Umberto (con il totale di 12.700) la settima piazza: entrambi si sono qualificati per la finale. Abbadini fa anche il bis nella seconda rotazione al corpo libero, grazie a un esercizio pulito e sicuro dal valore di 13.850 che gli assicura la seconda piazza in qualifica e un’altra final eight da disputare. Purtroppo, Zurlini è incappato in una caduta e, con un punteggio di 11.700, chiude al 12° posto. Il ginnasta della Pro Carate non si è fermato, perché non c’è due senza tre! Sul castello degli anelli Yumin sale a quota 12.900 e strappa il pass per un’altra finale insieme a Valle, al suo esordio in questa tappa di Coppa del Mondo, che totalizza 12.800. Insomma, nella prima giornata di gare sono già cinque le finali conquistate e quest’oggi si andrà avanti con le qualificazioni negli altri tre attrezzi: al volteggio vedremo impegnato il ginnasta della Panaro Modena mentre Yumin e Fabrizio concorreranno per l'ammissione a parallele e sbarra. La compagine italiana è accompagnata in Portogallo dai tecnici Alberto Busnari e Massimo Auletta insieme al giudice, nonché capodelegazione, Flavio Dante Mandich.