Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La prima tappa di World Challenge Cup sa già di mondiale, con la battaglia a colpi di piccoli attrezzi che si fa agguerrita ad un mese esatto dall'inizio della rassegna iridata di Baku.Ebbene, ottime notizie dalla rappresentativa azzurra, che sul fronte individuale, con Alexandra Agiurgiuculesse (Aeronautica Militare) occupa, dopo due rotazioni (cerchio e palla), la quinta posizione provvisoria della classifica generale. La neo campionessa italiana - allenata da Spela Dragas e Magda Pigano all’ASU di Udine – conquista entrambe le finali di specialità, in programma domenica, e trasmesse in diretta streaming, sul canale YouTube della Federginnastica. Finale al cerchio anche per l'altro aviere di Vigna di Valle, Milena Baldassarri impegnata sin dal mattino, nel gruppo C. L'atleta allenata da Julieta Cantaluppi alla Faber Ginnastica Fabriano ha portato a termine un'esecuzione piuttosto convincente con il cerchio, mentre alla palla non è riuscita a centrare l'obiettivo della final eight, a causa di una perdita d’attrezzo fuori pedana. Obiettivo raggiunto, infine, con le cinque palle, per le farfalle di Emanuela Maccarani - Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Agnese Duranti, Martina Santandrea e Letizia Cicconcelli (tutte tesserate per il Gruppo Sportivo A.M. e testimonial della campagna Fastweb). Le ginnaste vice campionesse del mondo occupano attualmente la quinta piazza, a pochi decimi dal terzo posto. Un'uscita di pedana della palla ha compromesso il risultato finale che avrebbe certamente portato le ragazze ai vertici della graduatoria bielorussa. Domani, ultimi due attrezzi per le individualiste (clavette e nastro) ed esercizio misto (tre cerchi e quattro clavette) per l’Insieme FGI. Per la cronaca, sul fronte individuale, la classifica vede in testa la russa Arina Averina, seguita dalla sorella gemella Dina e dall'israeliana Linoy Ashram. Russia docet anche nella gara a squadre, davanti a Giappone, Bulgaria e alle padrone di casa. "Un vero peccato perché abbiamo perso oltre un punto e mezzo con l'errore alle 5 palle - ha dichiarato la Maccarani, al termine della prima giornata - e potevamo essere davanti a tutti. Comunque l'esercizio gira bene, quindi adesso aspettiamo di vedere la seconda parte della gara. Sono molto contenta anche per le individualiste. Alex ha fatto una bella gara, regolare. Sia lei, sia Milena, durante l'estate, hanno fatto un ottimo lavoro di ripulitura e, senza errori (come la perdita fuori pedana, alla palla, della Baldassarri, ndr.) si possono prendere punteggi interessanti. Ora si tratta di continuare ad allenarsi e fare tutte le gare da qui al Mondiale".

ALL AROUND INDIVIDUALE (dopo due rotazioni):
1.Averina Arina ha RUS 23,700 23,350 47,050
2.Averina Dina RUS 23,150 23,600 46,750
3.Ashram Linoy ISR 22.500 21.900 44,400
4.Halkina Katsiaryna BLR 21,550 22,600 44,150
5.Agiurgiuculese Alexandra ITA 21.200 22.500 43.700
6.Zelikman Nicol ISR 22.000 21,550 43,550
7.Salos Anastasiia BLR 19.800 22.400 42.200
8.Minagawa Kaho JPN 20.400 21.200 41.600
9.Pohranychna Khrystyna UKR 22.400 19.100 41.500
10.Baldassarri Milena ITA 22.300 18.250 40,550

ALL AROUND A SQUADRE (dopo un solo esercizio)
1.Russia 29.200 con una perdita
2.Giappone 28.950
3. Bulgaria 28.850
4. Bielorussia 28.750
5. Italia 28.250

Credit: Simone Ferraro/FGI