Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Dopo l’esordio del Campionato Nazionale di Ritmica, che ha aperto, lo scorso weekend, la Primavera napoletana della Ginnastica, spetta ora alle ginnaste e ai ginnasti dei grandi attrezzi inaugurare la prima giornata dei loro tornei di Serie A1, A2 e B. L’Artistica taglierà il nastro di partenza venerdì 5 e sabato 6 marzo, al Pala Rossini di Ancona. La tappa organizzata dalla Giovanile Ancona del presidente Maurizio Urbinati farà da apripista per lo slalom gigante verso la Final Six al Pala Vesuvio di Napoli, in programma il 15 e 16 maggio, con la sua formula innovativa e i terzetti di sfida per lo scudetto, passando per il Pala Estra della Mens Sana di Siena (26-27 marzo) e ancora per l’impianto di Ponticelli (9-10 aprile), dove non mancheranno promozioni, retrocessioni e tante altre emozioni. La corsa ai titoli 2021 è ormai al countdown. Ci eravamo lasciati in diretta su Canale 9 e Eurosport1 con la Brixia di Brescia, nella femminile, e la Virtus Pasqualetti, nella maschile, che festeggiavano dal gradino più alto dei rispettivi podi. La società trascinata dalle fate azzurre – Giorgia Villa, Alice e Asia D’Amato e Martina Maggio – è diventata maggiorenne, come le sue ginnaste, centrando il diciottesimo titolo della sua storia ed è pronta, più che mai, a ribadire il suo predominio, grazie al ritorno in pedana di Elisa Iorio e, udite udite, Vanessa Ferrari. La trentenne di Orzinuovi, costretta a rimandare il rientro internazionale per il rinvio della World Cup di Doha, causa Covid, darà una mano alle giovani compagne per scaldare i suoi motori individuali in vista degli Europei di Basilea e del rush finale per la qualificazione olimpica. Lara Mori, rivale della bresciana per il pass a cinque cerchi in palio al corpo libero qatariota, guiderà anche la sfida della Ginnica Giglio, formazione verdissima allenata da Stefania Bucci che lo scorso anno chiuse al terzo posto. Agguerrite anche le vicecampionesse di Civitavecchia, ovviamente, che, con Camilla Ugolini e Marco Massara a bordo pedana, potranno solo crescere. Occhio al Centro Sport Bollate di Monia Marazzi, frenato lo scorso novembre soltanto dal Coronavirus, e alle outsider Juventus Nova Melzo di Lara Battaglia e Artistica ’81 Trieste di Carolina Pecar. WSA di San Benedetto del Tronto, Salerno e Fanfulla 1874 si candidano per un posto nella finalissima partenopea, guardandosi le spalle però dalle legittime ambizioni e dall’entusiasmo delle neopromosse Biancoverde Imola, S.G. Torino e Ghislanzoni GAL. Altrettanto interessante la lotta dei supereroi maschili. Il club di Macerata si è cucito lo scudetto sul body dopo un epilogo al cardiopalma, deciso in extremis e contro ogni pronostico, dalle ottime prestazioni degli avieri Paolo Principi, Andrea Cingolani e, tra gli altri, di Filippo Castellaro e Matteo Levantesi. Il dream team di Sergio Kasperskyy parte a caccia del quarto acuto dopo gli exploit del 2013, 2016 e 2020. Rivivremo, dunque, una sorta di rivincita tutta aeronautica con l’altro aviere del gruppo sportivo di Vigna di Valle, Ludovico Edalli e con la Pro Patria Bustese di Stefano Rossini. Terzo incomodo la squadra di casa, la Giovanile di Riccardo Pallotta e Fabrizio Marcotullio, trascinata dalle promesse azzurre Lay Giannini e Lorenzo Casali. Questo è il terzetto che si è dato battaglia in televisione nella passata stagione, ma a Salerno i ragazzi di Marcello Barbieri, Tommaso De Vecchis, Salvatore Maresca e Gianmarco di Cerbo, tanto per fare qualche nome, trionfatori assoluti nel 2018 e 2019, staranno pensando probabilmente, parafrasando una celebre serie, mo ce ripigliamm' tutt' chell che è 'o nuost'. E lo spettacolo quindi è assicurato. Anche perché lo stesso concetto, in mestrino, lo starà trasferendo ai suoi ginnasti Gianmatteo Centazzo, che il tricolore con la Spes lo vinse nel 2017. Tra le sorprese merita una menzione speciale l’Ares di Pamela Cauli che con la coppia del goal De Rosa-Brunello e le altre stelle biancoverdi ha tutte le carte in regola per portare Cinisello Balsamo in cima al movimento GAM. Nella pancia del centroclassifica Corpo Libero Gymnastics Team di Padova, Civitavecchia e Panaro Modena si giocheranno le loro “sliding doors”, per salire o scendere, oppure confermarsi, tenendo conto che alle loro spalle spingeranno da matti le new entry Romagna Team, Meda e Roma70.  Si confronteranno invece con il grande salto dalla Serie B alla A2 Ginnastica Riccione, Ionica Gym e Ginnastica Romana per le ragazze; Ghislanzoni GAL, Sporting Club Roma e Polisportiva Celle per i ragazzi. La gara, riconosciuta dal CONI di interesse nazionale, si svolge a porte chiuse nel pieno rispetto dei protocolli sanitari. Il programma prende il via venerdì 5 marzo con la B alle ore 16.00. Sabato 6 marzo alle 9.00 in punto avrà inizio la Serie A2, trasmessa in leggera differita, poco dopo la conclusione della gara, sulla pagina YouTube federale. Dalle 14.30, invece, sarà il turno della A1, per la prima volta in diretta streaming (nelle stagioni pre-Covid solo la finale era live) sempre sul canale della FGI, con la telecronaca di David Ciaralli e Ilaria Colombo. Per seguire i risultati in tempo reale è disponibile il sistema Livegym della Proxima Centauri.

FORMAZIONI SERIE A1 GAF

FORMAZIONI SERIE A1 GAM

FORMAZIONI SERIE A2 GAF

FORMAZIONI SERIE A2 GAM

FORMAZIONI SERIE B GAF

FORMAZIONI SERIE B GAM

foto Simone Ferraro-FGI