Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si è conclusa ieri la 36ª edizione del Memorial Arthur Gander, a Morges. Sugli attrezzi svizzeri è salito l'Aviere dell'Aeronautica Militare Ludovico Edalli, l'azzurro che si è qualificato ai Giochi olimpici di Tokyo 2020, rientrando tra i migliori 24 del pianeta, ai recenti Campionati del Mondo di Stoccarda. Il suo 52.500 - dato dalla somma di un 13.950 al cavallo con maniglie, 13.850 alle parallele pari, 12.200 alla sbarra e 12.500 al corpo libero - gli assicura la nona piazza tra alcuni dei ginnasti più forti del Mondo, incontrati qualche settimana prima al campionato iridato tedesco. "Sono soddisfatto della mia gara - ha detto Ludovico Edalli al termine della competizione - Ho presentato gli stessi esercizi di Stoccarda, migliorando addirittura di un decimo e mezzo al cavallo con maniglie. La rotazione purtroppo non è stata favorevole ma è stata comunque una bella esperienza che mi porterò sulla strada che mi separa dalla mia seconda Olimpiade (la prima quella del 2016 a Rio, ndr.)". Gli ha fatto eco il suo allenatore, Paolo Siviero, che lo segue quotidianamente alla Pro Patria Bustese: "Ludo ha fatto un ottimo cavallo e una buona parallela. Purtroppo i tempi di recupero tra un attrezzo e l'altro erano veramente ridotti e quindi siamo andati in affanno sulla sbarra e al corpo libero. Sullo staggio ha provato a fare il collegamento dal kachov al kachov mezzo ma è arrivato troppo vicino e quindi è caduto mentre sul quadrato svizzero non ha concluso alla perfezione una diagonale. Nel complesso però siamo soddisfatti". Il vincitore dell'edizione 2019 è l'ucraino Oleg Verniaiev (pt.57.800), seguito dal russo Artur Dalaloyan (pt. 57.450) e dal padrone di casa Pablo Braegger (pt. 55.250). Sul fronte femminile, invece, è salita sul primo gradino del podio la francese Lorette Charpy (pt. 40.450), davanti alla tedesca Sarah Voss (pt. 40.050) e all'ucraina Diana Varinska (pt. 40.000).