Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Roma, 3 mag. (Apcom) - Con una medaglia di bronzo nella categoria seniores, altre quattro (un argento e tre bronzi) tra le juniores, la nazionale italiana di ginnastica artistica torna a casa reduce dagli europei femminili di Amsterdam con un bottino inaspettato e storico. "Un risultato che ci proietta ai Giochi, perando che Maria Teresa Gargano possa essere presente", ha detto ad Apcom il presidente della federginnastica, Riccardo Agabio.
La 18enne romana Maria Teresa Gargano ha conquistato il bronzo nel corpo libero seniores, strappando la medaglia alla olandese Suzanne Harmes, che aveva completato l'esercizio proprio prima dell'italiana. "Ma io mi sono superata", racconta la Gargano.
"Non avevo mai ottenuto un punteggio simile (9,350), non ci credevo nemmeno io. Ma devo dire che il pubblico, poi, è stato molto sportivo, mi ha applaudito". La Gargano è nata proprio a Porta Metronia, come Francesco Totti, autore nel 2000 di uno sgarbo che ancora fa piangere l'Olanda: il "cucchiaio" a Van Der Sar nella semifinale dell'europeo che gli "orange" giocavano in casa.
Per l'azzurra ora si aprono le porte delle Olimpiadi. La squadra azzurra non si è qualificata, ma potrà portare comunque due elementi che gareggeranno nelle competizioni individuali. Il direttore tecnico della nazionale, Roberto Pentrella, annuncia: "Le atlete che io proporrò alla federazione saranno Maria Teresa Gargano e Monica Bergamelli. Quindi il consiglio federale dovrà ratificare la decisione e comunicare al Coni i nominativi".
Pentrella coglie anche l'occasione per stilare un bilancio degli europei, con un occhio rivolto al risultato del settore juniores e quindi al futuro: "Dovremo passare attraverso le forche caudine dei mondiali del 2006 e 2007, che varranno come qualificazione a Pechino 2008. Ma il gruppo che sta nascendo ci lascia ben sperare".



Agenzia Ap Com - 3.5.2004