Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Terza giornata di qualificazioni individuali all’Arena Armeec di Sofia, in Bulgaria, dove è in scena la 36° edizione dei Campionati del Mondo di Sofia. Dopo lo storico podio dell’Agiurgiuculese di ieri, le individualiste azzurre sono tonate in pedana questa mattina, sempre nel Gruppo C, con il nastro. Attrezzo ostico, che regala poco, soprattutto in termini di punteggio, notoriamente più basso rispetto alle altre specialità. Con Alessia Russo ferma ai box (la ginnasta di Germana Germani ha infatti completato le sue due routine utili per la Team Competition) Alexandra (17.600 malgrado un piccolo errore) e Milena (17.800) hanno messo altro fieno in cascina, pur rimanendo distanti dalle alte quote dei giorni precedenti. Le due azzurre sono al comando della classifica provvisoria, davanti alla coppia bielorussa – nell’ordine Anastasia Salos (17.500) e Katsiaryna Halkina (16.400) – e alla greca Eleni Kelaiditi (16.050) che ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona aveva rotto il binomio, inserendosi tra di loro. Sull’altro attrezzo, le clavette, si misuravano le favorite per la vittoria finale, le sorelle Averina, al comando con Dina (20.500) e Arina (19.750). L’ucraina Vlada Nikolchenko con il personale di 19.350 è riuscita a tenersi dietro le due padrone di casa, le bulgare Taseva e Vladinova, la statunitense Zeng, la nipponica Minagawa, la coreana Kim. Già fuori dalla final eight di domani sera l’accoppiata israeliana, Zelikman e Ashram. Nelle qualifiche del concorso generale, a un giro dal termine (e si può scartare il parziale peggiore) le sorelline russe continuano a giocarsela tra loro, con la campionessa in carica di Pesaro 2018 leggermente in vantaggio (60.800 contro 60). Terza l’ucraina Nikolchenko con un 58 pieno, davanti alle due bulgare. La fabrianese allenata da Julieta Cantaluppi consolida con 55.850 la sesta piazza, mentre la stella di Spela Dragas (ormai prossima ad entrare nel Gruppo Sportivo dell’Aeronautica Militare), fresca del bronzo mondiale alla palla, rincorre al nono posto con 55.200. Nella classifica per Nazioni l’Italia è sempre quarta con 143.900, in scia ad Israele (145.350). Più distanti l’inarrivabile Russia, leader con 161.175, e la Bulgaria 150.650. Domani inversione di attrezzi. Le italiane saranno impegnate alle clavette nel pomeriggio, dalle 15.20 (ora locale, GMT+3). Dalle 19.00 bulgare, le 18.00 nostrane, iniziano le sfide per le medaglie, in diretta e in esclusiva su www.volare.tv, con la telecronaca di David Ciaralli e il commento tecnico di Marta Pagnini. L’accesso è gratuito, previa registrazione. Nel frattempo sono arrivate all’Arena Armeec le farfalle di Emanuela Maccarani, accompagnate dalla Team Manager Paola Porfiri, dalle assistenti della DTN Olga Tishina e Federica Bagnera e dal fisioterapista Nicola Appella (Alessandro Calcinaro segue invece le individualiste). Il Capitano Alessia Maurelli, Martina Centofanti - entrambe del Gruppo Sportivo di Vigna di Valle - Martina Santandrea, Agnese Duranti, Anna Basta e Letizia Cicconcelli inizieranno da domani gli allenamenti e le prove pedana, scaldando in motori in vista dell’All Around di sabato, qualificante per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.