Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Forza, coordinazione, percezione del corpo e dello spazio, il tutto condito da musica ad alta intensità. Questa è l'opera d'arte contemporanea che ha lasciato il pubblico dei World Age Group Competition con il fiato sospeso. Un esordio da incorniciare quello di Guimaraes (Portogallo) per i nostri junior dell'Aerobica. Oggi in gara la coppia mista formata da Matteo Falera e Sarah Ferragina, il trio maschile composto da Francesco Blasi, Matteo Falera e Francesco Sebastio e il terzetto femminile di Arianna Ciurlanti, Sara Cutini e Sarah Ferragina. L'esercizio del fantastico duo azzurro è stato valutato con un 19.100 valido per l'ottavo punteggio e l'accesso diretto alla finale di domenica. Ancora meglio il trio maschile che guadagna la terza posizione con 19.700 punti, alle spalle di Romania (20.000) e Vietnam (19.900). Le colleghe della stessa specialità purtroppo, a causa di una piccola imprecisione forse dovuta alla tensione e all'emozione, non strappano il lasciapassare per la finale ma ben figurano sulla pedana della Sports Hall Multiusos portoghese. La stella della Ginnastica Macerata (Ciurlanti) proverà a rifarsi domani nell'individuale femminile, gara a cui parteciperà anche Sofia Cavalleri. Sul fronte maschile, invece, l'Italia individuale potrà contare su Blasi e Sebastio. Chiuderà la competizione il Gruppo tutto al femminile di Sofia Cavalleri, Arianna Ciurlanti, Sara Cutini, Camilla Rizzotto ed Elisabetta Verderio. "Sono felicissima di questo risultato - ha affermato la DTN Luisa Righetti - Non conoscevo il valore delle nazioni avversarie ma posso dire con certezza che il nostro livello è molto competitivo anche per la finale. Nel trio tutto può succedere essendoci qualificati con il terzo punteggio a pochi decimi di distanza dalla seconda formazione, quella vietnamita. Una gara tutta da scrivere. Le coppie che hanno gareggiato erano molto forti quindi un valore aggiunto per le nostre ragazze essersi accaparrate la finale. Non sono state impeccabili e questo ci dà margine di miglioramento. Io e gli stessi tecnici che sono con me - Vito Iaia, Emiliano Granzotto e Galina Lazarova - siamo molto fiduciosi. Adesso ci concentreremo per domani e incrociamo le dita!"