Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Dopo l’oro di ieri nel concorso generale, la squadra nazionale di Ginnastica Ritmica trionfa anche nelle finali di specialità della decima World Cup di Pesaro. Alessia Maurelli, Martina Centofanti (Aeronautica Militare), Agnese Duranti (La Fenice), Anna Basta (Pol. Pontevecchio), Martina Santandrea (Estense Putinati) e Letizia Cicconcelli (Fabriano) conquistano 21.600 punti nei 5 cerchi e 20.600 nel misto palle e funi. Un risultato incredibile ottenuto dalle ginnaste allenate da Emanuela Maccarani e dallo staff dell’accademia di Desio nella seconda coppa del mondo del circuito internazionale che proseguirà con le tappe di Tashkent, Baku, Guadalajara, Portimao, Berlino, Minsk e Kazan. Un en plein d’oro che eguaglia quello del 2016 quando le Farfalle gareggiavano con i 5 nastri e i 2 cerchi e 6 clavette, secondo il vecchio codice dei punteggi della FIG. Il podio della finale con i 5 cerchi vede sul secondo gradino la Cina con 18.300 punti e sul terzo l’Israele a quota 17.950. Nel combinato palle e funi, invece, la Russia si aggiudica l’argento con 18.250 punti mentre la Cina il bronzo con 17.550. Sul fronte individuale Milena Baldassarri, la stella della Fabriano allenata da Julieta Cantaluppi, è la sesta migliore ginnasta al nastro con un 17 tondo. Questa specialità e quella alla palla è stata vinta da Dina Averina con i personali di 18.250 e 19.900. La gemella Arina, invece, vince l’oro al cerchio con 19 punti. Al doppio attrezzo, le clavette, con 19.350 punti, l’israeliana Linoy Ashram domina sulle altre sette avversarie. Si chiude così la decima World Cup di Pesaro. Vi diamo appuntamento alla prossima tappa nel 2019, anno in cui la Federazione Ginnastica d’Italia compirà 150 anni.

 foto: ©Daniele Cifalà/FGI