Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Nel pomeriggio di oggi si sono concluse anche le finali di specialità senior del XXXIII Campionato Europeo di Artistica maschile andato in scena a Glasgow. Il corpo libero è stato vinto dal padrone di casa Dominck Cunningham con il personale di 14.666. Un boato assordante ha invaso l’Hydro Arena nel momento della sua proclamazione continentale che prende dal romeno Marian Dragulescu, oro a Cluj Napoca nel 2017. L’israeliano Artem Dolgopyat si mette al collo la medaglia d’argento con 14.466 davanti al russo Artur Dalaloyan, bronzo con lo stesso punteggio ma dietro perché partito con un valore nell’esecuzione più basso. Il titolo europeo al cavallo con maniglie se lo aggiudica l’irlanedese Rhys Mcclenaghan con 15.300 punti. David Belyavskiy gli lascia il testimone conquistato l’anno scorso in Romania. Piazza d’onore divisa a metà per il croato Robert Seligman e per lo sloveno Saso Bertoncelj con i personali di 14.866. Poi gli anelli. Il castello scozzese ha un nuovo re: il greco Eleftherios Patrounias che, con 15.466 punti, mantiene il titolo continentale conquistato a Cluj Napoca. Lo inseguono il turco Ibraim Colak (15.100) e l’inglese Courtney Tulloch 15.000). La rincorsa dei 25 metri ha visto trionfare Artur Dalaloyan. Il russo si conferma campione europeo al volteggio conquistando 14.900 punti che gli assicurano la prima posizione davanti all’ucraino Igor Radivilov (14.866) e al suo connazionale Dmitrii Lankin (14.666). L’oro al volteggio di Glasgow 2018 non si accontenta e sbaraglia gli avversari anche sugli staggi paralleli prendendo il testimone 2017 direttamente dalle mani dell’ucraino Oleg Verniaiev. Dalaloyan, con 15.433, si posiziona davanti all’altro russo in gara David Belyavskiy, fermo sul secondo gradino con 15.166. Bronzo per lo svizzero Oliver Hegi con 14.633 che nell’ultima finale, quella con la sbarra, non solo ha trionfato con il suo 14.700 sull’olandese Epke Zonderland (14.400) e sull’ungherese David Vecsernyes (14.033) ma ha anche strappato il titolo allo svizzero Pablo Braegger. Termina così l’Europeo 2018 di Ginnastica Artistica, uno dei sette sport che hanno reso questo primo Campionato multidisciplinare unico nel suo genere. Appuntamento a Stettino, in Polonia, nel 2019.

Foto Dario Ventre/FGI