Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Quello appena trascorso è stato un gran weekend di ginnastica. Non soltanto a livello nazionale, con la finalissima del campionato italiano di ginnastica ritmica, ma anche sul piano internazionale con la pioggia di medaglie azzurre dei piccoli e grandi attrezzi. E allora ripercorriamo questi giorni di successi e soddisfazioni per gli atleti italiani, a cominciare dalla World Cup di Baku di artistica, che ha visto trionfare il duetto al femminile Lara Mori e Vanessa Ferrari. Nella finale di specialità al corpo libero, le due azzurre hanno conquistato in tandem il podio: medaglia d’argento per il talento di Montevarchi, bronzo invece per l’intramontabile Vany alla sua seconda medaglia consecutiva dal ritorno in pedana dopo il lungo infortunio. Da applausi anche il quinto posto di Marco Lodadio agli anelli e il sesto nella finale alle parallele di Matteo Levantesi e Martina Rizzelli.

Da Baku a Stoccarda, dove l’artistica maschile è stata impegnata nella Team Challenge. La squadra azzurra composta da Ludovico Edalli, Nicola Bartolini, Nicolò Mozzato, Luca Garza e Marco Sarrugerio ha centrato il quinto posto nel concorso generale, confermando il piazzamento della qualifica. L’obiettivo è dichiarato, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 per i quali invece le Farfalle hanno già strappato il pass. Ma la squadra nazionale di ritmica non rinuncia a conquistare medaglie. Ben tre, tutte di bronzo, nel Grand Prix “Deriugina Cup” a Kiev in Ucraina. Il gruppo capitanato da Alessia Maurelli e composto da Martina Centofanti, Letizia Cicconcelli, Agnese Duranti, Martina Santandrea e Anna Basta è salito sul terzo gradino del podio nel concorso generale e nelle finali di specialità ai 3 cerchi e 4 clavette e alle 5 palle. Alla sua prima competizione internazionale si è fatta notare anche l’individualista Sofia Maffeis, che si è piazzata al 13° posto nell’all around e si è giocata la finale al cerchio ottenendo un buon 6° posto tra le migliori otto.

Ci siamo divertiti anche in Italia con la finalissima di Ferrara del campionato nazionale di ritmica. In Serie A1 la Faber Fabriano di Milena Baldassarri ha vinto il suo terzo scudetto consecutivo, l’Armonia d’Abruzzo di Alessia Russo è salita sul secondo gradino del podio nella classifica generale mentre la terza piazza è toccata all’Udinese di Alexandra Agiurgiuculese. In Serie A2 tricolore per la Virtus Giussano, seguita da Iris Giovinazzo e Ginnastica Opera Romana che ottengono così la promozione nella massima divisione per il prossimo anno. Infine, in Serie B domina l’Olimpia Senago: scudetto in cadetteria e promozione, insieme a Rimini e Valentia. Retrocedono in Serie A2 Virtus Gallarate, Falciai Arezzo e Pontevecchio Bologna e in Serie B Flaminio Roma, Etruria Prato e Ardor Padova.