Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La XII edizione del Trofeo Città di Jesolo è stata impreziosita dalla presenza della Squadra Nazionale di Ginnastica Ritmica che si è esibita, in apertura e durante il cambio attrezzi della gara di Artistica, presentando gli esercizi inediti del prossimo biennio: le cinque palle montate sulle note dell’Overture di Romeo e Giulietta di Tchaikovsky e il misto con 3 cerchi e 4 clavette su un mash up di Personal Jesus dei Depeche Mode e Silhouette di Thomas Newman. Insieme ad Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Anna Basta, Agnese Duranti Martina Santandrea, Letizia Cicconcelli, Beatrice Tornatore, Daniela Mogurean, Laura Paris e Francesca Majer sono scese sulla pedana del Palazzo del Turismo jesolano anche Alexandra Agiurgiuculese, bronzo alla palla ai mondiali di Sofia 2018, e le azzurrine della squadretta junior - Serena Ottaviani, Siria Cella, Alexandra Naclerio, Vittoria Quoiani, Giulia Segatori, Simona Villella – impegnate sulle routine con i 5 cerchi e i 5 nastri, in vista degli Europei di Baku (16/19 maggio) e i mondiali di categoria a Mosca, nel prossimo luglio. Intanto sabato 9 marzo, al Pala Banco Desio di Largo Atleti Azzurri d’Italia, il team baby allenato da Julieta Cantaluppi, le individualiste junior Sofia Raffaeli, Eleonora Tagliabue, Alessia Leone, Rebecca Riccò, Camilla De Luca, Sara Rocca e Martina Pasquini, le colleghe senior Agiurgiuculese, Milena Baldassarri, Alessia Russo e Sofia Maffeis, nonché le Farfalle della squadra maggiore si misureranno in un bilaterale amichevole con la rappresentativa dell’Azerbaijan, in preparazione della Coppa del Mondo di Pesaro (5/7 aprile) prima uscita ufficiale delle World Cup Series 2019, qualificanti per i Giochi di Tokyo 2020. 

Foto Simone Ferraro / FGI