Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Prosegue la nostra carrellata sul 2018 dello Sport Italiano (leggi qui la PARTE 1) al di là della Ginnastica, di cui abbiamo parlato in un altro articolo (leggi qui: Il 2018 della Ginnastica azzurra: un lungo anno di successi). A Luglio è la Francia ad aggiudicarsi il Mondiale di luglio in Russia. In finale, i transalpini di Deschamps battono per 4-2 la Croazia e tornano sul tetto del mondo. Terzo il Belgio. Impazza il calciomercato ed e' la Juve a mettere a segno il colpo del secolo, ingaggiando Cristiano Ronaldo. Inizia l'era Elliot al Milan: Scaroni presidente, Leonardo dg. Parma penalizzato di 5 punti dal TNF, si salva il Chievo. Italia u.19 sconfitta in finale nell'Europeo di categoria dal Portogallo. Il britannico Thomas conquista la maglia gialla di un Tour de France che andrà agli annali per gli incidenti, le manifestazioni e la scarsa sicurezza in corsa, che è costata una frattura a Nibali, costretto al ritiro mentre era in lotta per la vittoria finale. 'Rossa' in lutto per la morte di Marchionne. Kerber e Djokovic conquistano l'erba di Wimbledon, Giorgi è la migliore tra gli azzurri. Fognini fa suo il torneo di Bastad, Cecchinato quello di Umago, Berrettini rompe il ghiaccio a Gstaad. L'Italscherma domina i Mondiali di Wuxi, vincendo la classifica per nazioni e tornando a casa con un bottino di sette medaglie, quattro delle quali d'oro. Vortigara salta i 2,02 a Londra e diventa la seconda altista azzurra di sempre. Olanda tra le donne e Serbia tra gli uomini si laureano campioni d'Europa di pallanuoto: Setterosa sesto, Settebello quarto. L'Italia, infine, chiude i Giochi del Mediterraneo a Tarragona con 156 medaglie: 56 ori, 55 argenti, 45 bronzi. Un oro, un argento e quattro bronzi e' il bottino dell'Italia agli Europei di atletica di Berlino. Glasgow diventa il centro del 'Vecchio Continente', L'Italnuoto torna a casa, dopo le 43 gare del programma europeo, con un totale di 22 medaglie (6 ori, 5 argenti, 11 bronzi) ed il terzo posto nel ranking, alle spalle solo di Russia e Gran Bretagna. Titoli anche nei tuffi, nel sincro e nel fondo. Bastianelli e Trentin si laureano campioni d'Europa di ciclismo su strada, su pista spedizione azzurra conquista 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo. L'Italia del canottaggio chiude l'Europeo Assoluto di Glasgow con 6 medaglie (2-1-3) e il terzo posto nel medagliere per Nazioni alle spalle di Romania (3-2-2) e Francia (2-2-1). Rossi e Pellielo d'oro nel Mixed Team agli Europei di tiro a volo, così come le due squadre azzurre di Fossa Olimpica. Nel tennis, Fognini mette in bacheca a Los Cabos il suo terzo titolo personale. Nadal trionfa a Toronto, Halep a Montreal, Djokovic diventa 'Golden Masters' a Cincinnati. La Ferrari annuncia l'arrivo di Leclerc nel 2019 al fianco di Vettel, con Raikkonen che approderà in Sauber. Nella Motogp, Dovizioso vince davanti a Marquez il Gp San Marino, dove si registra la follia di Fenati in moto2: mette le mani sul freno di Manzi, la Marinelli Snipers lo licenzia, la Fmi gli ritira la licenza sino al termine della stagione. Nel ciclismo, Simon Yates trionfa alla Vuelta a Espana, da dove l'Italbici a casa con tre vittorie di tappa di Viviani e una di De Marchi. Valverde si laurea a Innsbruck campione del mondo su strada. Nel tennis, Djokovic e Osaka vincono gli Us Open, ultimo Slam stagionale, mentre Fognini e' sconfitto in finale a Chengdu da Tomic. Assegnato il primo trofeo nel basket: Milano mette in bacheca la sua terza Supercoppa. Nel volley, la Polonia batte il Brasile in finale e conquista il Mondiale. Gli azzurri fuori nella Final Six. L'Italia del tiro a volo torna dai Mondiali con due carte olimpiche conquistate da Stanco nella fossa olimpica femminile e da Filippelli nello skeet maschile. L'Italia conclude i Mondiali di canottaggio con 8 podi (3 ori, 4 argenti, 1 bronzo) e la leadership nel medagliere. Gravina e' il nuovo presidente della Figc: nel suo primo Cf conferma la B a 19 squadre. Nella Formula 1 Hamilton vince il Gp del Giappone e Vettel da' l'addio ai sogni di Mondiale, Raikkonen trionfa al Gp degli Usa, Verstappen fa suo il Gp del Messico e Hamilton conquista il suo quinto titolo iridato. Velasco e Zaytsev trascinano Modena al successo nella Supercoppa di volley. L'Italia femminile è d'argento ai Mondiali in Giappone, sconfitta al tie-break dalla Serbia. Muore a soli 38 anni l'ex azzurra Anzanello, iridata nel 2002. Nel tennis, Fognini approda in semifinale a Pechino, dove è costretto al ritiro, e a Stoccolma. Semifinale di Giorgi a Tokyo e vince a Linz il suo secondo titolo Wta. Nel ciclismo, Mollema vince il Gp Beghelli, Pinot brinda alla Milano-Torino e poi replica al Lombardia, Colbrelli conquista il Gran Piemonte, Moscon il Tour of Guangxi. Malagò diventa membro del Cio, ufficiale la candidatura Milano-Cortina alle Olimpiadi Invernali del 2026. Inizia la Coppa del Mondo di sci alpino ed è subito podio azzurro. Brignone chiude infatti al secondo posto il gigante di Soelden, battuta solo dalla francese Worley. L'Italia termina i Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires 2018 con il record di 41 medaglie complessive. La Nazionale di Mancini non va oltre lo 0-0 con il Portogallo e a novembre manca l'accesso alla Final Four della Nations League. Nel motomondiale, Rossi cade e 'regala' a Marquez il Gp della Malesia (Bagnaia conquista il titolo della Moto2), Dovizioso si aggiudica l'ultima tappa a Valencia sul bagnato. Nel tennis, Khachanov vince a Parigi-Bercy l'ultimo Masters 1000 della stagione, battendo in finale Djokovic, che si consola con il primato nella classifica Atp. La Croazia si aggiudica in Francia la Coppa Davis. L'Italbasket femminile batte Croazia e Svezia e si qualifica per gli Europei; gli azzurri superano la Lituania e sono a un passo dall'approdo ai Mondiali in Cina. Nella Coppa del Mondo di sci, Brignone regina del gigante a Killington, Innerhofer secondo e Paris terzo nella libera di Lake Louise; nel fondo, Pellegrino trionfa nella sprint a tecnica libera di Lillehammer. Nella Coppa del Mondo di scherma, mamme all'assalto ad Algeri, dove nel fioretto vince Di Francisca e Batini è terza; Cassara' secondo nel fioretto a Bonn, Santuccio e Vismara terzi nella spada a Tallinn e Berna. Paltrinieri non delude le attese e ad Abu Dhabi, sede dell'ultima tappa del circuito Fina Marathon, chiude al secondo posto nella 10 chilometri (Bridi vince tra le donne). Ai Mondiali di pesistica, Scarantino è bronzo nei 55 kg in Turkmenistan. Scontri tra ultras prima di Inter-Napoli, muore investito un tifoso; al 'Meazza', cori razzisti verso Koulibaly. Il Real Madrid si aggiudica il Mondiale per club, il Manchester United esonera Mourinho. Nello sci, doppietta azzurra nella libera di Bormio, con trionfo di Paris su Innerhofer; Delago e' seconda nella libera di Coppa del Mondo in Val Gardena, Paris terzo nel superG di Beaver Creek; nel fondo, Pellegrino secondo nella sprint di Davos. Italia super anche nella Coppa del Mondo di biathlon: trascinata da Wierer, la staffetta azzurra femminile fa festa a Hochfilzen. Tre argenti, quattro bronzi e dodici medagliati, sette quarti posti agrodolci, 36 primati personali con 17 record italiani e 5 migliori prestazioni in tessuto: l'Italnuoto chiude da protagonista la 14esima edizione dei Mondiali in vasca corta, ad Hangzhou, in Cina. Nel volley, Trento vince la finale tutta italiana con Macerata aggiudicandosi il Mondiale per club. La Juventus campione d’Inverno batte 2 a 1 la Sampdoria con una doppietta di Ronaldo che chiude l’anno in testa alla classifica dei cannonieri. Un capolavoro per mettere fine a una maledizione. Dominik Paris vive il suo weekend perfetto a Bormio e dopo il trionfo in discesa concede il bis anche in supergigante, specialita' che tornava sulla Stelvio dopo dieci anni. E dove l'Italia era riuscita a salire sul podio solo in un'occasione, nel lontano 1995, quando Peter Runggaldier e Werner Perathoner si piazzarono alle spalle di Kroell.