Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

ll Roma Web Fest è il primo festival internazionale nato in Italia e dedicato alle web serie e ai fashion film. Nell’edizione 2018 della rassegna creata Janet De Nardis la Federazione Ginnastica d’Italia ha preso parte al Pannel “Lo Sport 2.0 e le webserie” moderato dal giornalista Stefano Cocci. Sono intervenuti alla Casa del Cinema di Roma il responsabile dell’ufficio Comunicazione e relazioni Esterne FGI David Ciaralli e Martina Basile, Nazionale di Artistica femminile, reduce di Mondiali di Doha, tesserata per la Olos Gym 2000 e protagonista della docu FATE#RTT2020, la cui seconda stagione è tuttora in onda su Eurosport.com. Oltre alla produzione della Associazione Ginnastica Artistica Italiana, firmata da Silvia Vatteroni, Filippo Tomasi e Luigi Fardella, è stato presentato anche “Un solo battito”, la serie di Franco Angeli, prodotta da Melarossa.it, sulle libellule d’argento della squadretta junior di Budapest. La Federginnastica, infatti, fin dalla fortunata esperienza di Ginnaste – Vite parallele su MTV, è sempre stata considerata un passo avanti rispetto ai tempi e l’invito alla manifestazione dedicata al cinema ai tempi del web è l’ennesimo riconoscimento del lavoro fin qui svolto nel campo della comunicazione digitale, e non solo. Insieme ai due rappresentanti della ginnastica c’erano blogger e influencer sportivi, come Daniele Roselli ed Enrico Modica, creatori del fenomeno “Calciatori brutti”, Walter Astori, responsabile della redazione per Eleven Sports, provider internazionale dedicato alla trasmissione di eventi in streaming, e l’attore Edoardo Mecca, esploso proprio grazie alla rete. In un mondo quindi sempre più connesso e on line, la Federginnastica continua a recitare un ruolo da protagonista, soprattutto sulla sua piccola grande OTT, Volare.tv, suscitando curiosità anche tra gli addetti ai lavori della settima arte nel terzo millennio.