Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Ieri sera su La7 è andata in onda la quarta edizione dei Gazzetta Sports Awards. All’evento, presentato da Diletta Leotta, hanno preso parte, tra i tanti ospiti del mondo dello sport sul palco e in platea, il Presidente del Coni Giovanni Malagò e il numero uno della Ginnastica Gherardo Tecchi. Malgrado, infatti, non ci fossero ginnasti tra i vincitori, i nostri atleti erano in nomination in ben tre categorie: squadra, rivelazione e promessa dell’anno. A votare i nove campioni che nel 2018 si sono maggiormente distinti sono stati i lettori della Gazzetta dello Sport. E le nostre Farfalle sono sempre lì, nell'élite dello sport italiano, festeggiate dal mondo del giornalismo d'autore. Seconde quest'anno soltanto all'altrettanto meravigliosa Nazionale femminile di Pallavolo. Lo sport delle donne per una volta relega il calcio e la Juventus al terzo posto, in un contesto agonistico più rosa che mai. Alessia Maurelli e compagne conquistano l'argento anche nella comunicazione, dopo quello mondiale, valso loro il pass per Tokyo 2020, con due anni di anticipo. Un successo che accresce la popolarità della ritmica e riempie di orgoglio la FGI tutta, in particolare l'ambiente dei piccoli attrezzi. Complimenti anche a Giorgia Villa e Marco Lodadio – battuti rispettivamente dal pilota di Moto2 Francesco Bagnaia e dalla nuotatrice Simona Quadarella - che tengono alta la tradizione dell'Artistica azzurra. Grazie di cuore alla Gazzetta, dal direttore Andrea Monti a Federica Cocchi, grazie a tutta la redazione, al gruppo RCS, a Urbano Cairo, alla nostra Ilaria Brugnotti, a coloro che hanno votato per noi – e sono stati in tanti!!! - ma soprattutto grazie alle Farfalle di Emanuela Maccarani, alla piccola Fata di Buenos Aires e al Signore degli anelli di Doha. Solo la loro presenza virtuale sul podio degli Infront Studios di via Deruta, a Milano, è servita a promuovere tra i giovani una cultura sportiva a 360 gradi in un ambiente olimpico, e non solo, che ci emoziona e ci fa diventare tifosi gli uni degli altri. Complimenti dunque anche a Filippo Tortu, Sofia Goggia, Massimiliano Allegri, l’Italvolley donne, Mauro Icardi, Elia Viviani, Francesco Bagnaia, Beatrice Vio, Oney Tapia e Simona Quadarella. I nostri rappresentanti, introdotti tutti con una scheda video che ne esaltava le gesta, ci riproveranno nel 2019, l’anno dei 150 di fondazione della FGI. Chi vorrà rivederli in azione prima, insieme a tutti gli altri protagonisti della stagione, potrà farlo al Grand Prix della Ginnastica Antenore Energia, in programma sabato alla Kioene Arena di Padova (diretta RaiSport HD a partire dalle 16.00).