Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Che siano le Fate oppure le Fatine, Combs La Ville si rivela sempre un feudo italiano. Dopo i successi ottenuti negli anni scorsi da Giorgia Villa e compagne, lo scorso week end nella terra transalpina dell'Île-de-France, la nazionale juniores composta da Chiara Vincenzi, Camilla Campagnaro e Veronica Mandriota ha sbaragliato il campo vincendo sia la classifica a squadra che quella individuale dell’importante torneo internazionale. Le nuove leve della categoria juniores non hanno deluso le attese e con una condotta di gara sostanzialmente lineare e pulita si sono aggiudicate la medaglia d’oro, superando le padroni di casa con quasi mezzo punto di vantaggio. Sul terzo gradino del podio è salita la squadra A del Belgio, staccata dalle azzurre guidate in pedana da Rossana Ripamonti e Ivan D’Este (presente anche il giudice internazionale Veronica Scarlini) di oltre un punto. Più lontane le altre compagine, con la Russia solo quarta a quasi due punti dalle azzurrine. Ma le soddisfazioni per le ragazzine italiane non sono finite con l’esito della gara a squadre. La viterbese Chiara Vincenzi, portacolori della Inside Wellness Gym di Roncilione, si è letteralmente superata riuscendo a primeggiare nell’ambita e prestigiosa classifica dell’All Around. La ginnasta allenata da Rosanna Ripamonti ha vinto l’oro grazie al suo 51,300, facendo sensibilmente meglio della transalpina, Charlene Birin (50,817) e della russa Yana Vorova (50.300). Chiara Vincenzi si è pure assicurata la medaglia di bronzo al volteggio nella finale di specialità. Amara invece quella delle parallele asimmetriche, dove la veneta Camilla Campagnaro, ginnasta dell’Audace e allenata da Ivan D’Este, partita con il miglior punteggio fra le otto finaliste, dopo un esercizio di grandissimo spessore e caduta proprio nell’uscita finendo così lontana da podio. Da considerare buona anche la prova offerta dalla “brixiana” Veronica Mandriota, che dopo 18 mesi di inattività per un infortunio ad un gomito, si è ripresentata sulle pedane con un programma ancora facilitato ma ben svolto. Classifica a squadre: 1) Italia punti 101.600; 2) Francia punti101,167; 3) Belgio A punti 100.550; 4) Russia punti 99.783; 5) Svizzera A punti 98.183; 6) Ucraina punti 95.633; 7) Francia Digione punti 95.617; 8) Olanda punti 94.127; 9) Canada punti 93.250; 10) Scozia A punti 91,117; 11) Belgio B punti 88.967; 12) Svizzera B 88.067; 13) Scozia B punti 88,000; 14) Francia Combs La Ville punti 87,867; 15) Francia Avoine punti 86.083; 16) Francia Crif punti 84,517.

CLASSIFICA JUNIOR

CLASSIFICA ESPOIR