Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L’Italia dell’Artistica Femminile juniores volteggia nel cielo del Quebec, disegnando arcobaleni d’oro e d’argento. Asia D’amato (14.600) - che presenta già due salti di gruppo differente, mostrando di essere pronta al balzo più importante ed atteso, quello nel programma senior - e Giorgia Villa (14.075), entrambe della Brixia di Brescia, centrano la doppietta, in fondo alla rincorsa dei 25 metri canadesi. Terza la giapponese Chiaki Hatakeda, staccata a quota 13.775. L’argento di Elisa Iorio alla trave, sempre davanti alla rivale nipponica, completa il bottino di giornata, che, se sommato alle due medaglie di ieri nel concorso a squadre e in quello generale individuale, risulta, nel complesso, più ricco di quello del 2017. La stella della Vis Academy con il personale di 13.050, secondo soltanto al 13.700 della padrona di casa Zoé Allaire-Bourgie, è riuscita ad approfittare dell’errore delle specialiste alla vigilia più accreditate. Esattamente come accaduto alle parallele asimmetriche, ma a scapito delle favorite azzurre. “Sugli staggi abbiamo sbagliato il salto d’ingresso sia con Asia (8ª con 11.550) sia con Giorgia (4ª con 12.850) – ha dichiarato il capo delegazione Marco Campodonico, accompagnato Oltreoceano dall’ufficiale di gara Veronica Puddu e dal fisioterapista Alessandro Cervati – E’ il nostro unico rammarico. Per il resto direi che è andata molto bene. Al corpo libero abbiamo dei punteggi di partenza ancora al di sotto delle potenzialità delle ragazze. Quindi è vero che si può fare sempre meglio ma torniamo a casa con la consapevolezza di esserci fatti valere”. La Villa, al rientro in campo internazionale dopo l’infortunio a Jesolo lo scorso anno, sfiora il podio per due volte. Sulla pedana centrale Claude-Robillard Sports Complex ottiene un 13.250, con la D’Amato sesta a 12.950. Per la cronaca alle parallele vince la russa Elena Gerasimova e al corpo libero la connazionale Viktoriia Listunova, entrambe con 13.700. Punteggi non irresistibili per le FATE#RTT2020 (su www.volare.tv sono disponibili i 10 episodi inediti della seconda stagione).

FINALE VOLTEGGIO

  1. Asia D'Amato (ITA) 14.600
  2. Giorgia Villa (ITA) 14.075
  3. Chiaki Hatakeda (JAP) 13.775
  4. Zoé Allaire-Bourgie (CAN) 13.550
  5. Shoko Miyata (JAP) 13.525
  6. Sidney Hayn (GER) 13.375
  7. Emma Spence (CAN) 13.000
  8. Viktoriia Listunova (RUS) 12.775

FINALE TRAVE

  1. Zoé Allaire-Bourgie (CAN) 13.700
  2. Elisa Iorio (ITA) 13.050
  3. Chiaki Hatakeda (JAP) 13.000
  4. Margaux Daveloose (BEL) 12.900
  5. Noémie Louon (BEL) 12.500
  6. Viktoriia Listunova (RUS) 11.950
  7. Shoko Miyata (JAP) 11.750
  8. Elena Gerasimova (RUS) 11.600

FINALE PARALLELE ASIMMETRICHE

  1. Elena Gerasimova (RUS) 13.700
  2. Zoé Allaire-Bourgie (CAN) 13.400
  3. Viktoriia Listunova (RUS) 13.400
  4. Giorgia Villa (ITA) 12.850
  5. Noémie Louon (BEL) 12.100
  6. Emma Spence (CAN) 12.000
  7. Stacy Bertrandt (BEL) 11.700
  8. Asia D'Amato (ITA) 11.550

FINALE CORPO LIBERO

  1. Viktoriia Listunova (RUS) 13.700
  2. Chiaki Hatakeda (JAP) 13.350
  3. Elena Gerasimova (RUS) 13.300
  4. Giorgia Villa (ITA) 13.250
  5. Zoé Allaire-Bourgie (CAN) 13.200
  6. Asia D'Amato (ITA) 12.950
  7. Margaux Daveloose (BEL) 12.700
  8. Emma Spence (CAN) 11.700