Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si è appena conclusa una due giorni di grande Ginnastica. Padova ha ospitato la 2ª tappa del Campionato di Serie A e B 2019, organizzata nei minimi particolari da tutto lo staff della società Corpo Libero Gymnastics Team del presidente Tommaso Toffanin. Dopo la Serie B e quella cadetta è stata la volta delle squadre della massima serie, entrate in un campo gara allestito al centro di una Kioene Arena riempita in ogni ordine di posto. Continua l’egemonia femminile della Brixia. Giorgia Villa, Elisa Iorio, le sorelle D’Amato – Asia e Alice – Martina Maggio e Angela Andreoli mettono insieme 166.300 punti conquistando la testa della classifica di giornata, rimanendo al primo posto anche in quella di campionato. Sulla piazza d’onore di oggi l’Artistica 81 di Trieste con 155.800 punti mentre, sul terzo gradino del podio, è salita la Ginnastica Civitavecchia, a quota 152.000.

Proprio come al PalaYamamay di Busto Arsizio, teatro della tappa inaugurale del campionato di serie A di quest’anno, gli atleti della Ginnastica Salerno si impongono sui colleghi degli altri club alzando al cielo la coppa più preziosa. Nicola Bartolini, Tommaso De Vecchis, Gianmarco Di Cerbo, Salvatore Maresca e Carlo Salsedo totalizzano 162.800 punti distaccandosi di pochi decimi dalla Pro Carate, seconda con 162.650 punti e dalla Spes di Mestre del campione europeo junior 2018 Nicolò Mozzato, terza con il complessivo di 161.350.

La classifica di campionato femminile vede dunque in vetta le ginnaste brixiane con 326.350 tallonate dalla Ginnastica Civitavecchia (303.900) e dall’Artistica ’81 (303.250) mentre, per quella dei grandi attrezzi maschili, a fare da padrona è la Ginnastica Salerno con 324.900 punti inseguita dalla Pro Carate (320.100) e dalla Spes (317.850).

Quello organizzato dal Corpo Libero Gymnastics Team è stato un evento in grande stile, degno di un anno speciale per tutta Federazione Ginnastica d’Italia: il 150° di fondazione, avvenuta nel lontano 1869 a Venezia. Ed è proprio nella città lagunare che lunedì 1° aprile andrà in scena, al Teatro La Fenice, lo spettacolo della Federginnastica. Picture in picture. Ventuno quadri d’autore, uno dentro l’altro, quasi a costruire il caleidoscopio della ginnastica azzurra. Centocinquant’anni rinchiusi in 55 minuti di spettacolo puro in diretta su Rai 2 e messo in scena da Emanuela Maccarani e dalle sue assistenti, con la partecipazione speciale di Tiziana Di Pilato. Tutti incollati davanti al piccolo schermo dunque per assistere alla diretta sulla seconda rete - fortemente voluta dal capo del canale sportivo Auro Bulbarelli insieme al direttore di Rai Due Carlo Freccero - e scoprire le invenzioni dei Liberi di – Phisical Theatreal (Francesca Mottola, Valentina Marino, Giulia Serra ed Eleni Quartana, Antonio Parisi, Mauro Ardenti, Mattia Ruggeri e Davide Agostini), magistralmente fusi con le performance dei ginnasti e delle ginnaste delle Nazionali di Artistica e Ritmica. Una bella parentesi autocelebrativa – che poi la festa della Ginnastica coincide un po’ con la storia unitaria del nostro Paese, da qui la visita al Quirinale con il presidente Mattarella ammaliato dallo sport degli sport – prima dei grandi appuntamenti agonistici, la World Cup di Pesaro per le Farfalle (in diretta per la prima volta su La7, domenica 7 aprile) e gli Europei dei grandi attrezzi, in programma dal 10 al 14 aprile, in Polonia, a Stettino (in diretta su Rai Sport HD).

Foto Nico Pancot