Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Da qualsiasi angolatura la si voglia analizzare, la rassegna andata in scena lo scorso week end al PalaTurismo di Jesolo, sotto lo sguardo vigile del Direttore Tecnico Nazionale Enrico Casella, è stato un successo. 140 squadre, 640 mini-ginnaste, quattro titoli nazionali assegnati, Giorgia Villa come madrina, il vice presidente vicario della FGI Valter Peroni a rappresentare la Federazione Ginnastica d'Italia, tante emozioni, tanti sorrisi, qualche lacrima e, soprattutto, quel profumo di magnesia che chissà per quale magia sa inebriare chiunque frequenti quel palazzetto. Forse sarà perchè in primavera si è trasformato nel palcoscenico dove si sono esibite le più grandi campionesse di tutti i tempi? Può darsi. Fatto sta che le finali dei campionati italiani Allieve a squadre Gold, magistralmente organizzate dal Gymnasium Treviso del Presidente Francesca Allegri e dal suo collaudatissimo staff ed altrettanto abilmente gestite da un direttore d'orchestra impareggiabile che risponde al nome di Giorgio Citton, si sono rivelate un grandissimo successo. Classifiche alla mano, la parte del leone, anzi della Leonessa, l'ha fatta ancora una volta la Brixia, che ha saputo portare tre squadre in finale vincendo due titoli e un bronzo. Ma oltre alla compagine bresciana la gara di Jesolo ha ufficialmente lanciato in orbita due club che, da qualche stagione, stanno lavorando alacremente per consolidarsi ai vertici del movimento e che finalmente nella laguna jesolana hanno assaggiato il gradino più alto del podio: l'emiliana Vis Academy e la laziale Ginnastica Heaven. Ma andiamo con ordine. Dopo le lunghissime qualificazioni di venerdì e sabato, nella giornata di domenica si sono svolte le finali, con in palio i titoli nazionali. Le prime ginnaste a scendere in pedana sono state quelle delle categorie G3A e G3B. fra le più piccoline hanno vinto, dopo una lotta serratissima, le portacolori della Vis Academy - del presidente Vasco Boscaino - che, con un poderoso colpo di reni proprio nel loro ultimo attrezzo, il corpo libero, sono riuscite a sopravanzare per soli 25 millesimi di punto le rivali lombarde del Casati Arcore: 172.875 per la Vis formata da Elena Anceschi, Caterina Gaddi, Giorgia Mangano e Marina Mazzali; 172.850 per la formazione brianzola che ha schierato: Giorgia Basile, Ester Beretta, Sofia Concas, Viola Galbiati, Veronica Lissoni e Rebecca Mani. Sul terzo gradino del podio sono salite le giovanissime Allieve della Brixia Brescia, Alessia Baratta, Anna D'Incà, Nadia Prandelli e Sofia Vitali, allenate da Claudio Ducoli e Monica Bergamelli che, dopo una prova di qualificazione costellata da qualche errore si sono abilmente rifatte in finale conquistando un'insperata medaglia di bronzo. A completare la graduatoria delle migliori dieci sono poi giunte nell'ordine, Ginnastica Heaven, Le Ginnaste, Andrea Doria, Circolo Lavoratori Terni, Gal Lissone, Civitavecchia e Galleria del Tiro Estate 83. Fra le G3, quelle un più grandicelle, la Brixia ha dato segno di grande solidità e, dopo essersi assicurata il punteggio più alto in fase di qualificazione, ha saputo ripetersi in finale. Le ginnaste Letizia Angoscini, Eleonora Massardi, Giada Sofia Polini e Sofia Tiraboschi - preparate da Valentina Orzali e Francesco Venturelli - si sono laureate campionesse italiane totalizzando in finale punti 179.450, più di un punto (178.125) rispetto a Sonia Bertoli, Martina Mantovani e Valeria Perego che indossavano il body multicolore del Casati Arcore, che ha così conquistato due medaglie d'argento, luccicanti quasi come quelle d'oro. Sul terzo gradino del podio sono salite, un po' a sorpresa, le venete Martina Rita Labbozzetta, Sara Limentato, Giulia Marchesini e Nazarena Verzè, che hanno regalato alla Ginnastica Artistica Est Veronese un prestigiosissimo bronzo. Poi alla spicciolata sono giunte Saltavanti Empoli, Vis Academy, Galleria del Tiro Estate 83, Ekygym, Tifernate, Centro Ginnastica Firenze e Bentegodi Verona. Fra le Gold2 palma della vittoria e primo tricolore per la Ginnastica Heaven di Rita Rita, Elisabetta De Maria e Marika Pestrin. Il gradino più alto del podio ha accolto le festanti Ambra D'Innocenzo, Angelica Degli Angioli, Matilde Ferrari, Ilaria Martines e Sabriana Osieriu brave nel conquistare il totale di 195.475, staccando di quasi due punti le comasche della Polisportiva Fino Mornasco. Alice Beretta, Diana Brambillasca, Giulia Gulizia, Beatrice Marcato e Martina Peri, che con l'argento al collo, hanno dedicato al compianto Dino Francescucci il loro bellissimo secondo posto. Al terzo posto si è classificato la Corpo Libero Gym Team di Padova, che ha avuto in Alessia Casonato, Anita Cosmo, Giovanna Doria, Marta Fogarolo, Giulia Franchini e Giada Pinato le sue brillanti interpreti. Nella top ten di giornata anche Invictus Gymnastics, Olos Gym 200, Ionica Gym, Polisportiva Casellina, Ginnastica Pavese, Ginnastica Rivoltana e Victoria Torino. Spettacolare e di altissimo contenuto tecnico la prova riservata alle Gold 1. Ha vinto la Brixia Brescia di Angelina Andreoli e delle due gemelle Giorgia e Giulia Leone, ma anche dell'ex campionessa italiana L1, Aurora Simonini e dell'ottima Sara Belussi. Ginnastica di grande spessore quella offerte dalle giovani bresciane, capaci di presentare ad ogni attrezzo esercizi di altissima levatura tecnica. I diciannove punti inflitti alle più immediate inseguitrici stanno a testimoniare il grandissimo livello raggiunto da Andreoli e compagne che sulle pedane jesolane hanno ribadito il proprio valore. Nella lotta tutta laziale per il secondo posto, ha prevalso Civitavecchia che, sfruttando le ottime performance di Alessia Ceccarelli, Emma Da Lozzo, Manila Esposito e Naomi Pazon, dirette da Camilla Ugolini, Marco Massara e dall'ex azzurra Eleonora Rando, hanno spintonato sul terzo gradino del podio le rivali della Ginnastica Romana, in finale molto fallose alle parallele asimmetriche. Comunque un'ottima impressione quella lasciata da Taisiya Atzori, Carlotta Catullo, Aida Colamonici e Martina Pieratti, egregiamente preparate da Valeria Beltrame. Fra le prime dieci anche Biancoverde Imola, Ginnastica Heaven, Varesina, Ghislanzoni Gal, Ginnica Giglio, Ares e Ginnastica Salerno. Le premiazioni, alle quali hanno presenziato la madrina Giorgia Villa, l'Assessore allo sport di Jesolo, Esterina Idra, in rappresentanza del sindaco Valerio Zoggia e di un'Amministrazione estremamente collaborativa come quella jesolana, il vicepresidente federale Valter Peroni, la Presidente del Gymnasium e del Comitato Organizzatore, Francesca Allegri, sono state la degna chiusura di una manifestazione che, per l'undicesima volta consecutiva, si è disputata sulle pedane dell'impianto jesolano.