Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Super Sofi, come la chiamano tutti! La piccola Raffaeli continua a stupire chiunque, grazie a risultati strepitosi tanto per i punteggi ottenuti quanto per le numerose medaglie conquistate al Torneo Internazionale "Rhythmic Stars", che si è disputato questo weekend a Gdynia in Polonia. Il talento della Faber Fabriano, seguita dalla tecnica Julieta Cantaluppi, ha vinto quattro medaglie d’oro su quattro nelle finali di specialità della competizione polacca, riuscendo addirittura a migliorare i punteggi di qualifica. Alla fune ha centrato un 19.700, al nastro è salita a 19.800 fino all’exploit alla palla, che le è valsa 20.300. Non è finita qui perché Sofia si è superata nella routine alle clavette, in cui il punteggio di 21.300 – incredibile per una ginnasta junior, che soltanto il prossimo anno farà il grande salto tra le senior – le ha permesso di vincere il premio assegnato dalla FIG per il best score del torneo.

Le individualiste senior Talisa Torretti e Nina Corradini, entrambe in forza al club di Fabriano, non sono state da meno e hanno riportato in Italia altri due metalli pregiati. La prima ha svolto molto bene le ultime due rotazioni che hanno concluso il concorso generale (19.800 alle clavette e 18.100 al nastro) ed è salita sul secondo gradino del podio. La seconda, che ha sporcato un pochino la propria prestazione, l’ha seguita vincendo comunque il bronzo grazie al 17.800 alle clavette e al 17.150 al nastro che hanno chiuso il suo programma. Peccato invece per la Squadretta Nazionale, che non è riuscita a ripetersi dopo la medaglia d'oro conquistata nell’all around della prima giornata di gara. Il gruppo formato da Serena Ottaviani (Faber Fabriano), Alexandra Naclerio (Club Giardino), Giulia Segatori e Siria Cella (Auxilium Genova) con le due new entry Alessia Leone (Eurogymnica) e Anais Carmen Bardaro (Faber Fabriano) non ha brillato nelle finali di specialità, nelle quali ha sbagliato tanto piazzandosi al quinto posto ai 5 nastri e al sesto ai 5 cerchi.