Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si è aperta quest’oggi, con la prima giornata di competizioni, la “2019 Korea Cup Samdasoo”, l’evento internazionale che riunisce le gare di Artistica femminile, maschile e di Ritmica in scena fino a domani alla Halla Gymnasium di Jeju, nell’omonima provincia coreana. La Nazionale azzurra ha fatto incetta di medaglie, ben tre all’esordio nella gara in Corea, dimostrando di essere all’altezza dei rivali provenienti da tutto il mondo in ogni sezione della ginnastica. Splende infatti la medaglia d’oro conquistata da Milena Baldassarri alla palla, con il totale di 20.850 punti. La ginnasta dei piccoli attrezzi, in forza alla Faber Fabriano e vicecampionessa italiana, ha poi sfiorato il podio anche al cerchio, specialità in cui si è piazzata quarta con 18.200 punti. Non sono stati da meno gli azzurri dei grandi attrezzi, che hanno regalato all’Italia una medaglia di bronzo a testa per la maschile e la femminile. Alla prima ci ha pensato Nicola Bartolini, che è salito sul terzo gradino al corpo libero con il punteggio di 14.000. Il classe 1996 della Ginnastica Salerno ha ben figurato anche nella specialità del cavallo con maniglie, in cui si è piazzato quinto, mentre si è fermato in decima posizione in quella agli anelli. L’altro bronzo invece è merito di Giada Grisetti, che si è distinta al corpo libero con il totale di 12.067, sfiorando il secondo posto di appena quattro decimi. La ginnasta del Centro Sport Bollate si è inoltre classificata sesta nella gara alle parallele asimmetriche. I tre azzurri impegnati in Corea torneranno domani in pedana per gli ultimi attrezzi di specialità: clavette e nastro per la Baldassarri, parallele, volteggio e sbarra per Bartolini oltre che trave e volteggio per la Grisetti.