Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Quando il gioco si fa duro, le Farfalle iniziano a giocare. Le avversarie sono sempre più toste ma la squadra nazionale di ginnastica ritmica ha alzato il tiro pur di non perdere neanche un colpo, tanto da riportare a casa altre due medaglie di bronzo. Lo ha dimostrato nella prima uscita internazionale del 2019, da protagonista nella 24ª edizione del Grand Prix “Deriugina Cup”. Dopo il terzo posto nel concorso generale nella giornata di ieri, il gruppo capitanato da Alessia Maurelli e composto da Martina Centofanti, Letizia Cicconcelli, Agnese Duranti, Martina Santandrea e Anna Basta è salito sul podio anche nella finale di specialità ai 3 cerchi e 4 clavette grazie al punteggio di 22.450. Le ragazze sono state brave ancora una volta a tenersi alle spalle la Russia sottotono (quarta con 19.650 punti) ma sono state costrette ad arrendersi alla piazza d'onore di Israele (22.550 pt.) e al dominio della padrone di casa, l'Ucraina medaglia d'oro con il totale di 23.850. La squadra italiana ha fatto il bis nella finale alle 5 palle, nella quale ha strappato la terza medaglia di bronzo al Grand Prix ucraino grazie al punteggio di 22.600, migliorando la prestazione di ieri nella stessa routine. Il podio resta immutato con il primo posto dell'Ucraina (24.800 pt.) e il secondo di Israele (23.650) con la Russia nuovamente quarta (20.400 pt.). Da applausi anche l'esordio in una competizione internazionale per l'individualista azzurra Sofia Maffeis, che si è giocata la finale di specialità al cerchio dopo il 13° posto nell'all-around senior di ieri sera. La ginnasta azzurra classe 2002 si è piazzata al 6° posto tra le migliori otto con il punteggio di 17.800. La delegazione italiana in Ucraina è guidata dalla Direttrice Tecnica Nazionale Emanuela Maccarani accompagnata dalle tecniche Olga Tishina e Irina Roudaia, dalla coreografa Federica Bagnera oltre che dall’ufficiale di gara Emanuela Agnolucci per finire con la fisioterapista Carlotta Mauri.

FINALI SQUADRE (5 PALLE)

FINALI SQUADRA (3 CERCHI+4 CLAVETTE)

FINALI INDIVIDUALI (CERCHIO)