Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si è conclusa al meglio, tra applausi e soddisfazione, l’edizione estiva dell’EYOF, l’European Youth Olimpic Festival, la rassegna multidisciplinare dedicata alla categoria junior che si è svolta a Baku in Azerbaijan, ormai una delle capitali mondiali dello sport. Si è conclusa al meglio per l’Italia, in generale, che ha riportato a casa 26 medaglie – 8 ori, 9 argenti e altrettanti bronzi – chiudendo al quinto posto il medagliere della competizione. Si è conclusa al meglio per la Ginnastica, in particolare, non soltanto per i metalli conquistati dall’Italbaby di Artistica maschile ma soprattutto per la conferma della crescita programmata e costante della sezione junior azzurra. Un lavoro certosino e mirato che ha iniziato a dare i propri frutti e lascia ben sperare per il futuro dei grandi attrezzi. Lo ha dimostrato la Squadretta composta dai tre classe 2002 Lorenzo Bonicelli (Ghislanzoni Gal), Ivan Brunello (Ares) e Lorenzo Casali (Giovanile Ancona) che è salita sul terzo gradino del podio nella Team Competition piazzandosi alle spalle di due super potenze come l’Ucraina e la Russia e conquistando al tempo stesso cinque finali di specialità. Lo ha confermato la prestazione di Brunello nella final eight alla sbarra, strepitosa e di livello, tanto da valere la seconda medaglia della spedizione azzurra in Azerbaijan: un bronzo per il ginnasta dell’Ares, che aveva pure sfiorato il podio per un niente nell’All Around. D’altronde anche Casali e Bonicelli hanno portato in alto i colori italiani nelle finali, anzi il talento della Giovanile Ancona avrebbe anche meritato di più agli anelli. Non è stato da meno il trio delle azzurrine che, pur non conquistando medaglie, ci è arrivato vicino mostrando la bontà del cammino intrapreso nella preparazione delle giovani leve dell’Artistica. Il gruppo junior composto da Veronica Mandriota (Brixia), Chiara Vincenzi (Inside Wellness Gym) e Micol Minotti (Centro Sport Bollate) ha fatto del proprio meglio ma si è dovuto accontentare di una medaglia di legno nella Team Competition mentre nel Generale la stella del Centro Sport Bollate ha chiuso al 6° posto e la ginnasta della Brixia all’11° tra le migliori 24 rivali al mondo. Cinque le finali disputate anche dalla sezione femminile, a riprova che questa Italbaby è buona come il vino. Con grande soddisfazione sia dei Direttori Tecnici Nazionali Giuseppe Cocciaro – per la maschile, anche capodelegazione a Baku – ed Enrico Casella per la femminile, sia dei responsabili delle squadre nazionali maschili senior e junior, Maurizio Allievi e Nicola Costa, sia dei tecnici presenti all’EYOF, Pamela Cauli e Marco Campodonico. Immenso il bagaglio di esperienza che la spedizione azzurra riporta in Italia, insieme ai complimenti del Presidente della Federazione Ginnastica d’Italia Gherardo Tecchi e di tutto il Consiglio Federale.

Di Giorgia Baldinacci

Team Competition GAM

Team Competition GAF

All Around GAM

All Around GAF

Finali di specialità - 1° giorno

Finali di specialità - 2° giorno