Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Quando si spengono i riflettori dei Media, il grande pubblico dei Giochi Olimpici sembra quasi svanire nel nulla. Gli sport come la Ginnastica tornano nel loro cantuccio, all’ombra delle discipline illuminate dallo show Business, mentre le facce dei protagonisti estivi si sovrappongono con quelle di chissà chi altro. E se a Rio de Janeiro non hai neppure avuto la buona sorte di vincere una medaglia, il destino è quello di cadere nell’oblio, dalle stelle alle stalle, vedendo occasionalmente riconosciuto il proprio impegno di una vita da un ciondolo o da un tatuaggio a cinque cerchi. “Ma tu dove sei adesso che gira la fortuna?” chiedono allora le Farfalle della Ritmica dai piedi del podio carioca o dalla base di Follonica, usando le splendide parole di Alan e Karen Rossi e il sound dei Van Houtens. Dove sono tutti quelli che erano pronti a salire sul carro dei vincitori? La stragrande maggioranza probabilmente tornerà sulla giostra olimpica a Tokyo nel 2020, dopo quattro anni di assoluto disinteresse. Ma la minoranza – parenti, fan o praticanti - che invece ha sempre seguito le imprese della Squadra Nazionale di Ginnastica Ritmica, accompagnandola con la testa e con il cuore nei luoghi più sperduti del mondo, gli appassionati veri dei piccoli attrezzi che non si perdono una gara, dal vivo o in streaming, e già si stanno organizzando per il Mondiale 2017 - in programma a Pesaro dal 28 agosto al 3 settembre – gli addetti ai lavori (giudici, tecnici e dirigenti) e gli intenditori (quelli che conoscono il codice dei punteggi come il Vangelo), loro non abbandoneranno mai Marta Pagnini e compagne. Né Marta Pagnini che appenderà le scarpette al chiodo o le altre che decideranno di proseguire potranno mai fare a meno della propria gente. Perché soltanto chi conosce davvero lo Sport in generale e la ginnastica in particolare può comprendere che un’Olimpiade o un Mondiale, oppure una rassegna continentale o qualunque altra competizione non è un gioco al Luna Park, dove si vince sempre, come cantano The Van Houtens nel loro ultimo successo dall’inconfondibile stile catchy. Ed è per questo motivo che noi, innamorati pazzi delle Farfalle, sempre dorate e adorate, le seguiremo sul seggiolino volante quando girano attorno alla luna e non le lasceremo mai sole, anche se gira la fortuna!  Una grande opportunità, ad esempio, per dimostrare loro il nostro affetto si presenta proprio domani, 22 settembre alle ore 21.00, con l’esibizione al Pala Golfo di Follonica. L’evento, organizzato dal Comune per salutare la Nazionale prima del suo trasferimento a Desio, (dove il 29 verrà posata la prima pietra della nuova palestra, alla presenza dei Presidente FGI Riccardo Agabio e del Coni Giovanni Malagò) vedrà come ospiti d’eccezione il soprano Olga Angelillo, la cantante Federica Bensi, il Maestro di pianoforte Luca Ratti nonché quello di Arpi celtiche Vincenzo Zitello, il cantautore Erminio Sinni e l’attore Alessandro Spinicci. Insomma ci sono tutti gli ingredienti affinché lo spettacolo sia indimenticabile.