Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il 25 maggio si è riunita a Roma, presso la sede di Viale Tiziano, la Commissione Statuto e Carte Federali, presieduta dal Consigliere Federale Grazia Ciarlitto, per analizzare le proposte da presentare al prossimo Consiglio Direttivo Federale.

Argomento della riunione le Procedure Federali e Norme Tecniche 2019. Presenti anche i DD.TT.NN. di tutte le sezioni.

La Commissione ha ascoltato le proposte dei Direttori Tecnici i quali in linea di massima non hanno apportato significative variazioni, rispetto al 2018, ai Regolamenti delle rispettive discipline.

I DD.TT.NN. GAM e GAF, in considerazione del successo organizzativo della formula di rotazione delle squadre sul campo gara nelle prime due prove del Campionato di Serie A e B di quest’anno, hanno chiesto di rivedere per il 2019 quanto già indicato nelle Procedure Federali 2018, in merito alla composizione e suddivisione dei suddetti Campionati.

A tale proposito propongono tre Campionati a 12 squadre, Serie A1, Serie A2 e Serie B.

In tal modo verrebbe garantita anche per il prossimo anno un’organizzazione positiva che vede gli atleti impegnati per meno tempo in campo gara, un maggiore ordine e un migliore spettacolo. Anche la D.T.N. della GR si dichiara favorevole alla proposta avanzata dai suoi colleghi GAM e GAF.

La Commissione, nel raccogliere positivamente la possibilità di riformare i Campionati di Serie A/B 2019, si riserva di presentare la proposta al Consiglio Direttivo Federale nella sua prossima riunione prevista nel mese di luglio.

Viene inoltre proposta dai DD.TT.NN. l’abolizione della denominazione “macroregione”, che ha causato molti equivoci, e la definitiva assunzione del termine “zona tecnica” per lo svolgimento di fasi agonistiche superiori a quelle regionali anche se, come nel caso della Lombardia che registra molti partecipanti, all’interno dei confini territoriali di una regione.

Successivamente la Commissione passa all’analisi delle Procedure Federali già affrontate in una precedente riunione.

Tra i vari argomenti esaminati si discute sulla possibilità di modificare le quote di affiliazione e tesseramento.

Nel mese di giugno sono previste altre riunioni della Commissione per stilare i documenti finali da presentare all’attenzione del Consiglio Direttivo Federale.